Presentato Beat Empoli 2019: cinque giorni di musica, divertimento e rispetto per l'ambiente

«Abbiamo deciso di festeggiare il quinto anno del festival con l'ingresso gratuito», ha commentato Umberto Bonanni, Presidente Associazione Beat

Empoli
  • Condividi questo articolo:
  • j

Cinque anni. Un piccolo grande traguardo. Ma non un punto di arrivo, bensì un punto di partenza. Il Beat festival arriva alla sua quinta edizione e festeggia con cinque giorni di grande musica e divertimento nel cuore verde di Empoli.

Con un format consolidato ma che come sempre si rinnoverà con sorprese e novità anche quest’anno. Cinque giorni, articolati su due settimane, con la prima parte del festival che andrà in scena il 30 e 31 agosto e il 1 settembre 2019. Poi una pausa di qualche giorno e la manifestazione tornerà nei giorni di giovedì 5 settembre e venerdì 6 settembre.

Come sempre la cornice del festival sarà lo stupendo parco di Serravalle, che, con il suo verde e la sua atmosfera è stata fonte d’ispirazione proprio per la creazione della manifestazione. La grande novità di quest’anno riguarda i concerti del main stage che saranno tutti quanti ad ingresso gratuito.

Gli ospiti

Il palco del Beat vedrà ancora una volta grandi nomi della musica Italiana ed internazionale. 

Si comincia venerdì 30 agosto con due grandi artisti, che stanno scalando le classifiche della musica Italiana. Sul main Stage ci saranno CLAVDIO e Fulminacci, per una grande serata dedicata alla musica italiana d’autore. CLAVDIO reduce dal grande successo del suo album Togliatti Boulevard trascinato dalle hit “Cuore” e "Nacchere" sta infiammando le platee di tutta Italia. Fulminacci invece, astro nascente della musica del nostro paese, è appena stato insignito del premio Tenco per la miglior opera prima per l’album “La vita veramente”. Oltre a loro sul palco si esibirà anche Legno.

Sabato 31 agosto invece spazio alla grande musica internazionale: al Beat festival arriva The Bloody Beetroots per un Dj set da urlo che farà scatenare tutto il parco di Serravalle. Sir Bob Cornelius Rifo è pronto a infiammare il pubblico. Ad aprire la sua esibizione ci saranno Wajad e Il Mago. Il 1 settembre invece sarà la volta della musica Hip Hop e di Franco 126. Il rapper romano, dalla capitale è arrivato alla ribalta in tutta Italia ed è pronto per la tappa empolese del suo tour. La sua esibizione sarà preceduta da quella de Gli Psicologi. Poi una piccola pausa, ma il Festival tornerà alla grande giovedì 5 settembre con uno dei concerti più attesi di tutta l’estate quello dei Fast Animals and Slow Kids. La band perugina è il vero fenomeno rock del momento e sta registrando sold out in tutta Italia. Ad anticiparli sul palco ci sarà un’altra grande band italiana, i Rovere. Il gran finale del beat arriverà invece venerdì 6 settembre con una serata che si preannuncia indimenticabile. Sul palco La rappresentante di lista e poi tutti a ballare con Ivreatronic, la crew di musica elettronica formata da Dj e producers che coinvolgerà il pubblico con uno spettacolo pazzesco.

Jump 

Anche quest’anno non mancherà la Jump Arena che vedrà esibirsi nei cinque giorni del Festival, dal pomeriggio alla sera, le migliori band emergenti del panorama nazionale. Una fucina di grandi talenti, come testimoniano i tanti nomi passati da quel palco che oggi hanno spiccato il volo. E poi i dj Set per ballare fino a tarda notte in collaborazione con lo staff Mind. La migliore musica elettronica in circolazione. Tra band e dj ad esibirsi nell’area della Jump Arena saranno oltre 60 artisti.

Food

Ma come sempre Beat non sarà solamente grande musica. Torna l’area Street Food dedicata al grande cibo di strada. Saranno 22 i truck che delizieranno i visitatori del parco con prelibatezze provenienti da tutta Italia. Non può mancare anche l’area dedicata ai birrifici artigianali, in totale 18, con le migliore bionde “fatte in casa” d’Italia. Ad animare l’area delle birre la scatenata crew di Orme Radio con musica dal vivo, spettacoli e trasmissioni live.

Sport

Ma Beat sarà anche sport. Le associazioni sportive del territorio si esibiranno all’interno del parco di Serravalle con dimostrazioni e permetteranno a chi volesse cimentarsi nelle varie discipline di provare sotto la guida di istruttori esperti. L’area sport sarà animata come sempre dal palco di Radio Lady dove oltre a musica e intrattenimento andranno in scena le esibizioni di numerose associazioni sportive.

Market

Uno dei motivi per venire a Beat Festival 2019 a Empoli è anche la possibilità di farsi un giro nel market di vintage e artigianato in cui si trovano cose che non trovi da nessun altra parte. Quest'anno questa area del festival verrà realizzata in collaborazione con WOM - Wonderful Market, uno di più interessanti e qualitativi market della Toscana.

Plastic free

Non mancherà un occhio di riguardo per l’ambiente. Lo spirito del Beat è sempre stato quello di rispettare l’ambiente e la natura in cui è immerso. Per questo gli organizzatori a braccetto con l’amministrazione comunale hanno deciso di mettere in piedi un’edizione plastic free della manifestazione. Tutti gli stand, i food truck e i birrifici che saranno presenti utilizzeranno bicchieri, piatti e posate realizzati in materiale biodegradabile.

Le dichiarazioni

«Beat Festival rappresenta ormai l’appuntamento più importante dell’estate empolese, un grande festival dedicato soprattutto ai giovani, ma frequentato da tutti - ha detto Brenda Barnini, sindaco del Comune di Empoli -. È pensato per i giovani empolesi che hanno apprezzato questo nuovo evento. Una grande occasione per finire l’estate in maniera piacevole in uno dei luoghi più belli della nostra città, il Parco di Serravalle. Quest’anno tutti i concerti saranno gratuiti, una decisione degli organizzatori che ha visto l’amministrazione comunale favorevole. Siamo contenti che il Beat Festival, ormai legato in maniera inscindibile alla nostra città, diventi occasione per lanciarsi ancora di più da parte di artisti emergenti, ma anche un’opportunità di cultura a costo zero. Non esiste un festival di grande qualità gratuito come il nostro Beat. Quindi un grande regalo ai cittadini empolesi. È nato da una scommessa, e dopo 5 edizioni possiamo dire che è diventato una realtà. Quest'anno l'evento ha accettato anche la grande sfida sull'ambiente, quindi sarà plastic free totalmente accentuando l’impronta green che volevano dare visto il contesto in cui è ospitato».

«Arrivare al quinto anno non è scontato per due motivi - ha commentato Umberto Bonanni, Presidente Associazione Beat -: uno per il clima totalmente in sintonia con il Comune con cui c'è in sostanza una coprogettazione; l'altro il sostegno forte del pubblico della zona che esprime affetto e amore per il festival, ed è stato così fin dal primo giorno. Abbiamo deciso di festeggiare il quinto anno del festival con l'ingresso gratuito. Tanta musica nuova, giovane, una new wave italiana. Una programmazione che si presta al gratuito. Il Beat è un festival importante che coinvolge centinaia di persone, che ha una programmazione lunga e una progettazione difficile. Crediamo che la scelta di tutti i concerti gratuiti sarà vincente».

«Tanti artisti, in una complessità nuova - ha spiegato Roberto Del Pasqua dell'Associaizone Beat. Dalla mezzanotte i live, dalla musica rock che vedrà il palco sul tetto di un autobus allestito per l'occasione all'elettronica dello staff MIND, al reggae, all'afro, al pop, al freestyle con la rampa per gli skaters.  Inoltre la domenica 1 settembre per la prima volta ci sarà una gara con l'associazione Triathlon dal mattino alle 10 al pomeriggio. Ne parleremo ancora».

«Il BEAT è un appuntamento atteso ogni anno - ha concluso il vice sindaco di Empoli Fabio Barsottini -. Siamo orgogliosi che dopo cinque anni la scommessa di rendere sempre più partecipi le persone a vivere il festival sia vinta. Si parte dalla novità plastic free che rappresenta ancora di più un’occasione per tutti coloro che saranno presenti di responsabilizzarsi sul tema ambientale e sui rifiuti biodegradabili». 

Partner 

Oltre all’amministrazione comunale che anche quest’anno ha dato il suo patrocinio all’evento, l’associazione Beat 15 che organizza il Festival intende ringraziare gli sponsor che hanno deciso di collaborare a questa splendida avventura. Si tratta di Tinghi Motors e Toscana Energia, partner storici e amici del Beat.

Pubblicato il 18 luglio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su