Rally della Fettunta: si scaldano i motori per il weekend del 7 e dell'8 dicembre

«Il nostro rally - ha detto il presidente della Valdelsa Corse, Federico Feti - è ormai un appuntamento che rappresenta una tradizione per il nostro territori»

 BARBERINO TAVARNELLE
  • Condividi questo articolo:
  • j

E' tutto pronto per il prossimo fine settimana, quello di sabato 7 e domenica 8 dicembre, per la 41esima edizione del Rally della Fettunta. La Corsa del Chianti, il rally di un giorno più antico d'Italia, è pronta per scaldare i motori. Le iscrizioni, aperte lo scorso 8 novembre, si sono concluse il 29.

Si tratta di una gara importante, che serve ai piloti per testare le auto in vista della stagione 2019, ma che è anche un break per tutti coloro che vogliono mettersi alla prova su strade ad alto contenuto tecnico, immersi in un panorama mozzafiato, ricco di storia e di gastronomia. Un evento atteso tutto l'anno non solo dagli appassionati di motori, ma anche da chi vive il territorio a cavallo tra Siena e Firenze e che richiama spettatori da tutta la Toscana e non solo.

L'evento è organizzato da Valdelsa Corse , che anche per quest'anno ha confermato lo shakedown, i test pre-gara fissati sabato 7 in località Fabbrica su un tracciato di circa 2 km chiuso al traffico. Attraverso questi test, gli equipaggi potranno mettere a punto le vetture in condizioni gara. 

La gara vera e propria sarà invece domenica 8 dicembre. Partenza da Barberino Val d’Elsa e arrivo a Tavarnelle Val di Pesa con premiazione in piazza Matteotti. I riordini si terranno tra Barberino e Tavarnelle; a Sambuca è stato mantenuto il parco assistenza; confermate le prove speciali Sicelle, Tignano e Campoli, diventate ormai un classico per piloti a appassionati. 

«Il nostro rally - ha detto il presidente della Valdelsa Corse, Federico Feti - è ormai un appuntamento che raccoglie non solo piloti, appassionati e addetti ai lavori, ma rappresenta una tradizione per il nostro territorio. Voglio ringraziare tutte le aziende del territorio e gli sponsor che ci sostengono da anni, i volontari e le associazioni della zona che rendono possibile lo svolgimento della nostra manifestazione». 

La storia del Rally della Fettunta

La prima edizione si è tenuta nel 1977. Due sole le occasioni in cui non è stato corso: il 2011 e il 2013, mentre nel 2015 è stato annullato. Nella sua storia è sempre stato un rally ‘corto’, con la caratteristica di avere un breve chilometraggio di prove speciali nelle varie versioni in cui si è disputato. Barberino Val d’Elsa è il cuore tradizionale del Rally della Fettunta fin dalla sua nascita, ma tutto il territorio tra le valli dell’Elsa e del Pesa ha conosciuto il rombo dei motori di questa gara. A fine anni Novanta la manifestazione si è trasferita sul versante senese della Val d’Elsa, facendo base di volta in volta a Colle Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli. Dal 2014 il rally è tornato nel Chianti fiorentino, riportando la sua logistica non solo a Barberino ma anche a Tavarnelle Val di Pesa. Novità dal 2016, un allungamento del tracciato fino a San Casciano, territorio dove nel 2018 debutta per la prima volta lo shakedown, cioè i test pre-gara della vigilia.

Pubblicato il 4 dicembre 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su