Rapina aggravata, torna in Italia dopo tre anni e viene arrestato

Ieri i Carabinieri della Stazione di Poggibonsi, al termine di delicate indagini e approfonditi accertamenti, hanno rintracciato in provincia di Firenze uno dei soggetti responsabili della rapina in concorso. L'uomo, che dopo i fatti del 2016 era rientrato per lungo tempo nel suo Paese d’origine, da pochi giorni aveva fatto nuovamente ritorno in Italia, probabilmente confidando in un esito favorevole del procedimento penale che lo vedeva coinvolto

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nel luglio 2016 alcuni cittadini pakistani si resero responsabili di un’aggressione nei confronti di altri connazionali in Tavarnelle Val di Pesa, aggressione che si trasformò in rapina aggravata e lesioni personali gravi.

Il tutto era nato per incomprensioni di natura economica e per questioni lavorative, essendo gli stessi operai contoterzisti impiegati in agricoltura.

Ieri i Carabinieri della Stazione di Poggibonsi, al termine di delicate indagini e approfonditi accertamenti, hanno rintracciato in provincia di Firenze uno dei soggetti responsabili della rapina in concorso.

L’uomo, che dopo i fatti del 2016 era rientrato per lungo tempo nel suo Paese d’origine, da pochi giorni aveva fatto nuovamente ritorno in Italia, probabilmente confidando in un esito favorevole del procedimento penale che lo vedeva coinvolto.

M.A., queste le iniziali, cittadino pakistano di 50 anni, pregiudicato, è stato arrestato in esecuzione ad un provvedimento del Tribunale di Firenze, in quanto, a seguito dei reati commessi, dovrà scontare la pena di sette anni di carcere.

L’uomo è stato accompagnato presso la casa circondariale di Siena a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Pubblicato il 24 marzo 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su