Regolamento Beni Comuni a Poggibonsi, Bussagli: «Grande disponibilità riscontrata nella comunità. Adesso c'è da capire cosa possiamo fare e come»

E' in programma una tappa importante per la realizzazione del regolamento e il sindaco David Bussagli spiega: «Vogliamo costruire prima di tutto insieme ai cittadini per farne uno strumento che risponde alle esigenze della nostra specifica realtà, che sia semplice da attuare e che sia quindi utile da un punto di vista operativo»

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il Comune di Poggibonsi sta iniziando a realizzare il regolamento dei Beni Comuni e, nelle idea dell'Amministrazione, il percorso che porterà al suo compimento dovrà essere condiviso con i cittadini, in modo che "la città si prende cura di se stessa". E' in programma una tappa importante per la realizzazione del regolamento e il sindaco David Bussagli spiega: «Vogliamo costruire prima di tutto insieme ai cittadini per farne uno strumento che risponde alle esigenze della nostra specifica realtà, che sia semplice da attuare e che sia quindi utile da un punto di vista operativo». Mercoledì primo luglio infatti, alle 21 presso la sala Set del Teatro Politeama, si svolgerà un incontro per discutere e condividere proposte e percorsi da attuare.

«Sono tanti - spiega il sindaco - i cittadini, singoli o organizzati in associazioni, che ci hanno rappresentato in svariate occasioni la loro disponibilità e volontà a collaborare in molteplici modi diversi alla cura della città. Dalla scuola, alle aree verdi, agli spazi comuni. Anche noi abbiamo delle proposte e dei contesti in cui riteniamo utile attivare questo percorso e ci siamo fatti anche un'idea di come queste collaborazione possano concretizzarsi, mutuando in questo anche ciò che avviene in altre realtà».

Il regolamento dei Beni Comuni infatti sarà costruito anche sulla base di esperienze mutuate da Comuni che lo hanno già definito. Proprio nelle scorse settimane il Comune di Poggibonsi ha partecipato ad un incontro di formazione organizzato sul tema dal "Labsus", Laboratorio per la Sussidiarietà.

«C'è da capire cosa possiamo fare e come. La disponibilità riscontrata - dice il sindaco Bussagli - nei cittadini e nelle associazioni è un elemento che fa molto piacere perché ancora una volta la comunità poggibonsese mostra attaccamento alla città e voglia di fare. Abbiamo già attive esperienze importanti in tal senso e siamo forti di una collaborazione che avviene già, quotidianamente, in mille modi diversi, nonché di una sensibilità espressa da tutto il Consiglio Comunale».

«L'obiettivo che ci poniamo - dice Bussagli - è semplice. Si tratta di trovare il modo affinché il coinvolgimento attivo dei cittadini nel governo della città non sia "occasionale" ma diventi "normale". Per questo c'è bisogno di proposte condivise e di regole semplici per permettere a cittadini e Amministrazione lavorare insieme alla tutela, alla valorizzazione, alla cura dei beni comuni, un patrimonio materiale e immateriale che influisce sul benessere della collettività».

Pubblicato il 22 giugno 2015

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su