Riapre la galleria "Casal di Pari", sulla Siena-Grosseto. Completati i lavori di consolidamento

Anas comunica che nella serata di oggi, giovedì 24 marzo, sarà riaperta al traffico, in configurazione provvisoria di cantiere, la galleria "Casal di Pari", sulla strada statale 223 “di Paganico” (la Siena-Grosseto)

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Anas comunica che nella serata di oggi, giovedì 24 marzo, sarà riaperta al traffico, in configurazione provvisoria di cantiere, la galleria "Casal di Pari", sulla strada statale 223 “di Paganico” (la Siena-Grosseto).

Sono stati infatti completati i complessi lavori di consolidamento necessari alla riapertura in sicurezza del tunnel, consentendo di ripristinare la transitabilità lungo una delle principali direttrici di traffico da e verso la costa tirrenica, in vista delle festività pasquali. Gli interventi, avviati lo scorso 20 agosto, erano stati sin da subito organizzati su tre turni per 24 ore al giorno, sette giorni su sette, senza interruzioni. 

La riapertura consentirà anche la ripresa dei lavori di scavo della nuova galleria adiacente, nell'ambito degli interventi attualmente in corso per l'ampliamento a quattro corsie del tratto di circa 12 chilometri nei comuni Civitella Paganico (GR) e Monticiano (SI).

La chiusura era stata disposta in seguito a un controllo programmato durante il quale i tecnici Anas avevano riscontrato l'accentuarsi di alcune lesioni nel rivestimento interno - già oggetto di monitoraggio costante - che avevano causato un distacco di materiale, interamente contenuto dall'apposita rete preventivamente installata. 

Dopo i primi accertamenti tecnici Anas ha avviato immediatamente gli interventi strutturali di consolidamento in corrispondenza del tratto interessato (circa 170 metri) ed ha contemporaneamente proseguito gli accertamenti sul resto della galleria, lunga 1,5 km. Tali accertamenti hanno reso necessaria la preventiva asportazione del rivestimento interno in calcestruzzo tramite un impegnativo intervento di “idrodemolizione”, oltre alla rimozione di tutti gli impianti presenti. L'esito degli esami ha in seguito evidenziato la necessità di incrementare gli interventi strutturali avviati e di eseguire altri lavori di consolidamento, di diversa entità, lungo l'intera lunghezza del tunnel, tutti necessari a garantire la sicurezza per la circolazione.

Pubblicato il 24 marzo 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su