Richiedenti asilo ai fornelli con i volontari Arci per la ricetta dell'integrazione

L’iniziativa, in collaborazione con il circolo Arci di Ulignano all’interno del ricco cartellone della “notte Rossa” dell’Arci, ha visto la partecipazione dell’assessore alle politiche sociali di San Gimignano Ilaria Garosi: «I 25 richiedenti asilo di diverse nazionalità e accolti in Valdelsa tra San Gimignano, Colle Val d’Elsa e Poggibonsi, ci hanno deliziato con piatti etnici dal retrogusto di pace. Per il secondo anno consecutivo è stata un’iniziativa di grande successo che ha dimostrato ancora una volta come accoglienza e integrazione siano gli ingredienti base di qualsiasi ricetta di convivenza civile»

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

La ricetta per l’integrazione passa anche dalla cucina. Così è nata la cena che si è svolta sabato al circolo Arci di Pancole e che ha visto come chef i 25 richiedenti asilo del progetto di accoglienza Sprar della Provincia di Siena fianco a fianco ai cuochi volontari locali. Il menù della cena? Piatti toscani, africani e pakistani che hanno deliziato i palati di oltre 100 partecipanti in una serata nel segno dell’accoglienza e della multiculturalità condita anche dalla musica dal vivo con le percussioni degli Africa Djam.

L’iniziativa, in collaborazione con il circolo Arci di Ulignano all’interno del ricco cartellone della “notte Rossa” dell’Arci, ha visto la partecipazione dell’assessore alle politiche sociali di San Gimignano Ilaria Garosi: «I 25 richiedenti asilo di diverse nazionalità e accolti in Valdelsa tra San Gimignano, Colle Val d’Elsa e Poggibonsi, ci hanno deliziato con piatti etnici dal retrogusto di pace. Per il secondo anno consecutivo è stata un’iniziativa di grande successo che ha dimostrato ancora una volta come accoglienza e integrazione siano gli ingredienti base di qualsiasi ricetta di convivenza civile».

Alla cena hanno preso parte anche il sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi e gli assessori alle politiche sociali di Colle Val d’Elsa e Poggibonsi, Filomena Convertito e Fabio Berti.

Pubblicato il 25 gennaio 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su