Bisniflex Poggibonsi showroom

Risparmio su luce e gas: a Castelfiorentino oltre due milioni e mezzo di investimenti

«Si tratta di un investimento senza precedenti - osserva il Sindaco, Alessio Falorni - sugli impianti che riguardano l’intero patrimonio pubblico di Castelfiorentino, con l’obiettivo di renderli più efficienti e meno costosi. Il project financing si propone di cogliere questo obiettivo nel giro di un anno, consentendoci di dare risposta a esigenze sollevate più volte dai cittadini, tra cui la sostituzione di impianti termici obsoleti in alcuni plessi scolastici o negli impianti sportivi (che spesso si bloccano) ma anche un miglioramento della climatizzazione»

 CASTELFIORENTINO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Abbattimento del 65% dei consumi di energia elettrica e di oltre il 20% su quelli per il riscaldamento. Servizi più efficienti e tempi drasticamente ridotti per la manutenzione e il monitoraggio degli impianti. Investimento da oltre 2.500.000 euro per un piano di efficientamento energetico e di riqualificazione impiantistica sulla illuminazione pubblica e sulla climatizzazione di scuole, impianti sportivi, edifici pubblici (municipio, biblioteca, ecc..). Sono questi, in estrema sintesi, i contenuti del “Project financing” mediante il quale il Comune ha dato in concessione a “Toscana Energia Green” la gestione di tutti i servizi energetici integrati, e che saranno illustrati alla cittadinanza giovedì 9 gennaio, alle ore 21.00, al Teatro del Popolo.

Alla serata interverranno il Sindaco, Alessio Falorni, il presidente di Toscana Energia Green, Valter Tamburini, e il direttore tecnico di Toscana Energia Green, Katia Masala.

Il “project financing” si configura come una virtuosa partneship pubblico-privato, finalizzata alla realizzazione di un piano per l’efficientamento energetico di tutti gli impianti presenti nel territorio comunale che non ha precedenti dal dopoguerra ad oggi. Sul piatto, un investimento stimato di oltre 2.500.000 euro da parte di “Toscana Energia Green”, a fronte di un canone annuale corrisposto dal Comune di 225.964 euro oltre IVA (1° anno, soggetto adeguamento ISTAT oppure in seguito a un’eventuale implementazione degli impianti). Durante il periodo della concessione – che ha una durata di 15 anni - “Toscana Energia Green” garantirà inoltre un consumo max garantito di 643.729 kwh annuali (anziché 1.951.800 Kwh, con una riduzione del 65%) e di 189.876 smc di gas metano (anziché 241mila smc, con una riduzione di oltre il 20%). Nel caso in cui il consumo massimo garantito venga superato, i costi in eccesso saranno interamente a carico del concessionario (ipotesi prevedibile soprattutto all’inizio, fino a quando non si faranno sentire gli interventi per rendere gli impianti più efficienti da un punto di vista energetico); nel caso inverso, ovvero, di un consumo minore rispetto a quello stimato, i risparmi ulteriori saranno equamente ripartiti al 50% tra Comune e concessionario.

Nel dettaglio, l’ammodernamento degli impianti di climatizzazione invernale sarà assicurato da “Toscana Energia Green” attraverso la sostituzione di quasi tutte le centrali termiche - ben 15 - negli edifici pubblici, negli impianti sportivi e nelle scuole: queste ultime comprendono, in particolare, ben dieci plessi tra edifici scolastici tout court o comunque adibiti a servizi educativi e culturali (nel dettaglio: un asilo nido, tre scuole dell’infanzia, il Ciaf, tre scuole primarie, la scuola secondaria “Bacci” e infine la scuola di Musica), dove – per via dello stato ormai avanzato di obsolescenza delle caldaie esistenti – si provvederà a una loro sostituzione con quelle a condensazione; si prevede inoltre l’installazione di n. 5 nuovi pannelli solari termici nonché a tutta una serie di soluzioni impiantistiche e altre tipologie di investimento (esempio: isolamento termico di alcuni solai, come quello della biblioteca e della scuola primaria “Tilli”) finalizzate a implementare il risparmio energetico degli edifici.

Le operazioni di efficientamento degli impianti di pubblica illuminazione interessano oltre l’80% di quelli presenti nel territorio comunale e contemplano la sostituzione di 2.606 corpi illuminanti deteriorati o non efficienti, su un parco lampade totale censito di 3.160 unità. I nuovi punti luce dovranno impiegare la tecnologia LED e saranno così ripartiti: 1.673 armature stradali di tipo cut-off, 508 apparecchi di arredo urbano e 288 proiettori. A ciò si aggiungerà il retrofit di 137 corpi lampada del tipo lanterna artistica con apposito kit LED.

Il risparmio sui consumi consentirà, inoltre, all’Amministrazione Comunale di destinare buona parte delle risorse in un potenziamento dell’illuminazione pubblica attraverso l’installazione di nuovi punti luce.

I tempi previsti per l’ammodernamento di tutti gli impianti sono di circa dodici mesi: naturalmente, è interesse da parte di “Toscana Energia Green” velocizzare il piano di efficientamento energetico, allo scopo di ridurre le eventuali compensazioni dovute al Comune per superamento annuale dei consumi minimi garantiti.

Un capitolo a parte riguarda le operazioni di manutenzione ordinaria (compresi i casi urgenti), reperibilità e di pronto intervento h24, per il quale sono previste delle penali. Gli interventi di manutenzione ordinaria dovranno infatti essere effettuati dal concessionario entro le due giornate lavorative successive alla data della segnalazione e, in situazioni di urgenza (su comunicazione dell’amministrazione, dei Vigili del Fuoco o delle Forze dell’Ordine), entro dodici ore dall’ordine, anche nei giorni festivi. Le attività di pronto intervento h24 (che contemplano casi specifici, quali ad esempio situazioni di pericolo o il mancato funzionamento dell’impianto a servizio di un edificio) dovranno essere effettuate entro 60 minuti dalla segnalazione, sia nell’ambito del normale orario di lavoro che in orario notturno o festivo.

«Si tratta di un investimento senza precedenti – osserva il Sindaco, Alessio Falorni – sugli impianti che riguardano l’intero patrimonio pubblico di Castelfiorentino, con l’obiettivo di renderli più efficienti e meno costosi. Il project financing si propone di cogliere questo obiettivo nel giro di un anno, consentendoci di dare risposta a esigenze sollevate più volte dai cittadini, tra cui la sostituzione di impianti termici obsoleti in alcuni plessi scolastici o negli impianti sportivi (che spesso si bloccano) ma anche un miglioramento della climatizzazione e – in particolare – un deciso salto di qualità nell’illuminazione pubblica, di cui sarà rinnovato oltre l’80% dei corpi illuminanti. Desidero inoltre ricordare l’aspetto del project che riguarda la manutenzione degli impianti, che consentirà di abbattere drasticamente i tempi di intervento per risolvere eventuali criticità».

Pubblicato il 3 gennaio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su