Ristoratori in crisi: la foto della cuoca in ginocchio diventa virale e (forse) ci fa riflettere sulla pandemia

Poche parole a corredo del posto ma arrivano dirette e descrivono il momento di profonda tristezza di una categoria (e non solo) che da oltre un anno deve fare i conti con le chiusure

 FRANCESCO E FILOMENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

"Sono senza lacrime... Senza forze, senza più dignità. E c'è chi parla, parla, parla...". Sono queste le poche parole che accompagnano la fotografia pubblicata sull'account Twitter ''Francesco e Filomena''. La ristorazione è uno tra i settori più colpiti dalle restrizioni e le chiusure causate dalla pandemia da Covid-19.

Uno scatto che è diventato virale sul web, tanto da attirare numerosi commenti e repost. In foto si vede una cuoca letteralmente in ginocchio, con il volto appoggiato sul gomito. In una foto è rappresentata alla perfezione tutta l'ansia, la disperazione di una categoria di lavoratori che da un anno sta facendo i conti con le chiusure e, al pari di tanti altri lavoratori, paga sulla propria esistenza tutti gli effetti di una pandemia che ha già compiuto un anno.

L'immagine lascia attoniti. Ci si chiede qual è l'espressione del viso nascosto, riparato dall'incavo di un gomito. La prima sensazione che ho avuto è di vedere rappresentata una persona completamente annullata nella propria essenza. Priva di scopo. E mi chiederò per sempre quale potessere essere la forma di quel volto che, evidentemente, non voleva essere guardato da noi che stiamo sbirciando un momento di disperazione. Chissà se tutte le intrusioni che abbiamo compiuto da qui ad un anno nella vita di tante persone (operatori sanitari, lavoratori, insegnanti e quant'altro) potranno darci la forza per adare avanti e fare ancora la nostra parte fino a che questo incubo non finirà.

Stefano Calvani

Potrebbe interessarti anche: In cerca della scintilla per non sentirsi immobili

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 15 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su