Lamm Lavorazioni Metalliche

'Ritorno all'Eden' inserito nella programmazione di 'Terra di Siena International Film Festival'

Ricky Tognazzi: ''Il film è davvero piacevole, infarcito di ironia, di quel senso di bellezza che si ritrova nei luoghi, come nelle persone, del Chianti''

 BARBERINO TAVARNELLE
  • Condividi questo articolo:
  • j

L’autenticità, l’ironia, la bellezza, il senso di comunità di Barberino Tavarnelle che si esprimono sul set incantano star e professionisti del mondo del cinema. Adamo ed Eva tornano in una dimensione a loro familiare e ritrovano se stessi, recuperano sentimenti, affetti, valori. Il tempo, la distanza non costituiscono più un problema. Nell’unione consumata dall'età e dall'ingerenza di qualche mela di dubbia provenienza, ancora troppo indigesta per la coppia dall'aria eterna, si ritrova il sale, il gusto irrimediabilmente pepato della vita. È così che i progenitori tornano a narrare, a raccontare, a conoscersi, come una volta, nella dialettica di una relazione mai uguale a se stessa, diretta e non sempre tesa alla concordia. Battibecchi, siparietti e spaccati di vita reale, con il cielo che dopo la tempesta si colora sempre di sereno.  È ciò che accade nelle migliori famiglie, in quelle che rispettano e tramandano l’antica tradizione, tutta toscana, dello stare a veglia. Nel nuovo Eden, a Barberino Tavarnelle. L’intreccio del film, progettato e realizzato con e per la comunità di Barberino Tavarnelle, fa sognare in grande.

“Ritorno all’Eden”, cortometraggio fatto in casa, costruito in ogni sua parte, artistica e tecnica, da un gruppo di cittadini volontari del comune chiantigiano, piace ai grandi nomi del cinema italiano. Nata da un'intuizione del sindaco David Baroncelli, l’esperienza cinematografica si è rivelata unica nel suo genere, grazie al lavoro del regista Riccardo Casamonti che ha scritto e diretto il film e la partecipazione di un cast e di uno staff tecnico rigorosamente made in Chianti. Dopo la partecipazione alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia, il film è approdato alla ventiseiesima edizione di un'altra delle rassegne cinematografiche di maggior rilievo nel panorama culturale nazionale. Si tratta della kermesse “Terra di Siena International Film Festival”, presieduta da Maria Pia Corbelli e diretta da Antonio Flamini, in programma fino a domani 2 ottobre a Siena. L'esperienza artistica di Barberino Tavarnelle che ha focalizzato l'obiettivo sulla partecipazione attiva della comunità e ha dato vita ad un progetto corale mirato alla valorizzazione del volontariato culturale, coordinato da alcuni professionisti, è stata inserita nella programmazione delle proiezioni in concorso ed è rientrata tra le mattineé organizzate dal Festival nelle scuole del territorio senese.

Il cortometraggio di Riccardo Casamonti, interpretato da Sergio Berti e Paola Canocchi, con la partecipazione straordinaria di Robin Mugnaini, ha sfilato nella maratona delle proiezioni del Nuovo Cinema Pendola al fianco di registi e interpreti tra i più prestigiosi della scena italiana come Ricky Tognazzi, Alessandro Haber, Alessandro Benvenuti, Abel Ferrara, Leo Gullotta, Catherine Deneuve, Monica Guerritore, Violante Placido, Donatella Finocchiaro, Massimo Ghini, Maria Grazia Cucinotta, Paolo Ruffini, Beppe Servillo, Giuseppe Papasso, Pino Quartullo e tanti altri.

Tra coloro che hanno visto il film, in occasione della proiezione che si è tenuta nella sala del cinema senese, spicca Ricky Tognazzi, uno dei protagonisti della kermesse che ha presentato all'International Terra di Siena Film Festival “La voglia matta di vivere”, un documentario che ha reso omaggio al padre, l'immenso Ugo Tognazzi. Il regista, attore, sceneggiatore e produttore cinematografico si è espresso a favore del cortometraggio di Riccardo Casamonti, promosso dal Comune di Barberino Tavarnelle e dall'associazione Cinema Olimpia. “È un cortometraggio che traduce in realtà una passione coltivata dalla comunità - ha commentato Ricky Tognazzi - trovo che questo sia il valore aggiunto del progetto cinematografico, lanciato dal Comune di Barberino Tavarnelle, aver dato un'occasione di socialità, di conoscenza e di approfondimento culturale ad un gruppo di persone che ha potuto realizzare un'emozione, un desiderio, un percorso condiviso che nasce dalla voglia di ritrovarsi, di stare insieme, di vedere compiuto un progetto, il film è davvero piacevole, infarcito di ironia, di quel senso di bellezza che si ritrova nei luoghi come nelle persone del Chianti e che invita a visitare e ad esplorare l'eccezionalità paesaggistica, culturale e ambientale di cui è ricca la terra di Barberino Tavarnelle”.

Soddisfatto dell'esito del film il sindaco David Baroncelli che sottolinea come il progetto abbia di fatto creato un nuovo modo di comunicare l'identità popolare e i tratti distintivi della comunità locale. “Ritorno all'Eden ha dato vita ad un nuovo genere, il corto a filiera corta - ha aggiunto il primo cittadino - sono molto contento anche per la partecipazione a queste prestigiose rassegne, mi auguro che il corto possa avere lunga vita come i suoi protagonisti in rete e non solo”. Barberino Tavarnelle. What Else?

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Viaggio al mare con l'Ambulanza dei Desideri della Misericodia di Poggibonsi

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 2 ottobre 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su