Rossi sull'Amiata: «Fiducioso perché la Toscana reagisce ma non riusciamo a sfondare con l'agroalimentare»

Rossi: «Veniamo da momenti difficili ma la paura mi è passata perché vedo che la Toscana reagisce. L'export e l'agroalimentare vanno bene e il turismo complessivamente tiene ma, come altri, non riusciamo a sfondare con l'agroalimentare. Nel 2014 vogliamo ripartire subito, investendo le risorse che ci arriveranno dall'Europa»

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

«Veniamo da momenti difficili ma la paura mi è passata perché vedo che la Toscana reagisce. L'export e l'agroalimentare vanno bene e il turismo complessivamente tiene ma, come altri, non riusciamo a sfondare con l'agroalimentare. Nel 2014 vogliamo ripartire subito, investendo le risorse che ci arriveranno dall'Europa, che però deve toglierci i vincoli di spesa permettendoci di investire le risorse che abbiamo». Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, intervenendo a Montenero di Castel del Piano, sul versante grossetano dell'Amiata, durante l'incontro con le associazioni di categoria, i produttori e le aziende locali del comparto agroalimentare.

«Due sono le azioni - ha aggiunto il presidente Rossi - in cima ai nostri pensieri: spendere di più per la regimazione idraulica del nostro territorio e investire per questo almeno 100 milioni di euro l'anno».

Rossi ha sottolineato infine come la capacità di spesa della Regione con la crisi sia diminuita, passando da 2,25 miliardi di euro a 1,5 e come senza una legge Finanziaria adeguata non sia possibile affrontare il 2014 con qualche fondamentale certezza.

Pubblicato il 22 ottobre 2013

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su