Lamm Lavorazioni Metalliche

Sabato 26 e domenica 27 anche in Toscana le giornate del Fai

Il programma completo degli appuntamenti. Le dichiarazioni dei presidenti Giani e Galanti Balestri

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Si terrà anche in Toscana sabato 26 e domenica 27 il doppio appuntamento con le giornate di primavera del Fai, il Fondo per l’ambiente italiano.

Giunto alla trentesima edizione il tradizionale appuntamento consente ai visitatori interessati di vedere, accompagnati da esperti e dai volontari del Fondo alcuni dei più significativi esempi del vasto patrimonio architettonico e culturale del Paese. Grazie ai volontari delle delegazioni e dei gruppi FAI della regione, in tutte le province della Toscana verranno aperti oltre trenta luoghi preziosi, spesso inaccessibili o poco conosciuti, che in quell’ocasione saranno visitabili con un contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.

La scelta di tesori e itinerari curiosi e di qualità, capaci di coinvolgere l’attenzione di un pubblico attento e desideroso di conoscere, è del tutto condivisa dalla politica culturale della Regione - dice il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani - lo testimonia ad esempio, lo sforzo che stiamo compiendo per restaurare e valorizzare la Villa Medicea di Careggi già patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco, luogo di immenso valore storico-culturale e prima delle ville monumentali acquistate dalla famiglia Medici che nel prossimo futuro si candida a diventare sede dei capolavori degli Uffizi per il progetto Terre degli Uffizi. O ancora, il patrimonio rappresentato dalla galassia dei musei minori della Toscana, o dai borghi che riproducono veri e propri musei a cielo aperto. Sono convinto che operazioni come quella del FAI facciano solo bene al territorio, contribuendo alla crescita di una fruizione consapevole e sostenibile da parte di cittadini e turistiche scelgono forme di approccio diverso e più profondo”.

Quest’anno il Fai, come istituzione della Repubblica, ha scelto di esprimere in maniera esplicita la vicinanza e la solidarietà con il popolo ucraino esponendo i colori della sua bandiera in tutta la comunicazione e nei Beni, ma la Fondazione vuole dare un contributo concreto e perciò si impegna oggi formalmente a finanziare il recupero di un’opera d’arte del patrimonio culturale ucraino che sarà individuato non appena cesserà la guerra e sarà avviata la ricostruzione del Paese.

Il nostro patrimonio di cultura e ambiente racconta chi siamo - dice la presidente Fai Toscana Rosita Galanti Balestri - e il nostro compito è trasmetterlo oggi alle generazioni future per diffondere la nostra identità di Paese, per riconoscersi tutti assieme come popolo. Oggi più che mai, in questo travagliato scenario con la tragedia che si sta consumando in Ucraina, sentiamo l’urgenza di questo impegno. La conservazione e la tutela del nostro patrimonio culturale acquistano ancora più significato. Aprire le porte alla Bellezza come facciamo con le Giornate Fai di Primavera ha alto valore educativo e formativo nel rispetto della memoria e della cultura tradizionale, ma anche dei nuovi scenari, tecnologici e scientifici. Voglio salutare il fecondo rapporto con la Regione Toscana ringraziando il presidente Giani e tutti coloro che hanno lavorato con il Fai. Per noi questa collaborazione è preziosa e ci sprona ad un rinnovato impegno. I beni che apriamo al pubblico nelle Giornate Fai di Primavera sono beni pubblici e privati, ma soprattutto sono della collettività, delle comunità in cui viviamo e lavoriamo. Insieme, Regione Toscana e Fai siamo impegnati per il bene comune, per la promozione e la tutela del nostro patrimonio storico, artistico e paesaggistico”.

Per vedere l’elenco completo dei luoghi aperti in Toscana, conoscere le modalità di partecipazione e prenotarsi occorre collegarsi a fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?regione=TOSCANA

Dunque sabato 26 e domenica 27 Marzo è l'occasione per scoprire i tesori Toscani e non solo. In particolare i luoghi FAI da scoprire in provincia di Siena.

A San Gimignano apre le sue porte Torre e casa Campatelli, una torre medievale fusa con un palazzo settecentesco che racconta la storia di una famiglia toscana dell’alta borghesia. Casa Campatelli è l’unica tra le famose case-torri di San Gimignano ad aver conservato intatti gli interni, visitarla vuol dire fare un viaggio dal medioevo ai giorni nostri.

A Siena, sulla centralissima via Banchi di Sopra, antica via Francigena, si affaccia il palazzo Bichi Ruspoli, sede attualmente della Società degli Industriali di Siena. Il piano nobile da poco restaurato presenta affreschi settecenteschi. Le tre sale principali sono chiamate dell’Aurora, di Apollo e le Muse, e della Pace e le Virtù, dai soggetti riportati sui soffitti. Conclude l’infilata di sale un piccolo boudoir con veduta teatrale su un paesaggio immaginario con edifici neoclassici. Accanto ad esso, un bagno conserva una vasca monolitica e la volta con un reticolo dipinto a farfalle.

A pochi chilometri da Siena, nel comune di Sovicille, tra boschi di castagni e allevamenti della preziosa cinta senese le Giornate Fai vi invitano a riscoprire il piccolo borgo di Simignano. Posto nel cuore della Montagnola senese, Simignano conserva intatto il fascino di un borgo medievale di altri tempi con le sue costruzioni in pietra e la piccola piazza.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Vino, 2.000 presenze a ''Chianti Lovers & Rosso Morellino''

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 22 marzo 2022

Pubblicato il 22 marzo 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su