Scoppio del carro a Firenze, volo perfetto per la colombina

Giani: "Per secoli questo ha significato buon auspicio. Speriamo che tutti insieme possiamo da qui vedere la luce nel futuro della nostra comunità"

 FIRENZE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Dopo l'annullamento l'anno scorso causa Covid, quest'anno si è tenuto a Firenze lo Scoppio del carro, pur in un'insolita piazza del Duomo deserta per questa antica tradizione popolare fiorentina di Pasqua, che si tramanda da secoli. E perfetto è stato il volo della colombina, il congegno trasportato da un razzo innescato dal cero santo: partita dall'altare della Cattedrale, ha acceso il carro di fuoco, detto Brindellone, posizionato tra Duomo e Battistero e poi, è tornata indietro.

La tradizione tramanda che se riesce a rientrare ci saranno buoni raccolti. Un segno di buon augurio che quest'anno sembra avere anche un significato per l'emergenza Covid.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, che era presente in piazza Duomo insieme al governatore Eugenio Giani, ha ricordato di aver voluto con tenacia che quest'anno si svolgesse lo Scoppio del carro, pur senza pubblico, in totale sicurezza: "Un bel messaggio", ha detto Nardella, di "buon auspicio", un "valore di rinascita straordinario".

Eugenio Giani su Facebook ha aggiunto: "Lo scoppio del carro rappresenta la più antica delle nostre tradizioni popolari, oggi la colombina ha fatto il suo percorso per accendere il fuoco in modo perfetto all’andata e al ritorno nell'altare del Duomo. Per secoli questo ha significato buon auspicio. Speriamo che tutti insieme possiamo da qui vedere la luce nel futuro della nostra comunità".

Fonte Ansa - Video Florence Tv - Toscana Tv

Potrebbe interessarti anche: Olio, è toscano il miglior extravergine biologico Igp d'Italia

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 4 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su