Seggiolini antiabbandono, dal 20 Febbraio richiedibile l’incentivo per l’acquisto

Il bonus può essere richiesto da uno dei genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale tramite registrazione sul sito della SOGEI accessibile anche dal sito del Ministero dei trasporti

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Da domani 20 febbraio dovrebbe essere richiedibile il bonus-seggiolini, ovvero l’incentivo statale rilasciato all’atto dell’acquisto di un seggiolino antiabbandono obbligatorio per trasportare bambini fino ai 4 anni di età. E’ approdato due giorni fa in Gazzetta Ufficiale, infatti, il decreto ministeriale che lo regola e che ne ha stabilito le modalità di fruizione (1).

Il bonus può essere richiesto da uno dei genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale tramite registrazione sul sito della SOGEI accessibile anche dal sito del Ministero dei trasporti.

L’erogazione avviene tramite emissione di un buono spesa elettronico di 30 euro -questo l’importo del bonus- utilizzabile per l’acquisto del seggiolino allarmato entro 30 giorni. Se il buono non viene utilizzato entro questo lasso di tempo ne deve essere richiesto un altro. La legge consente di fruire di un incentivo per ogni bambino, quindi il contributo è associato al codice fiscale del minore.

Considerando che l’obbligo di dotarsi del seggiolino vige già dal 7 novembre 2019, il decreto consente la fruizione del bonus anche per chi avesse già effettuato l’acquisto. E’ necessario in questo caso fare la richiesta sul sito SOGEI allegando copia dei giustificativi di spesa (scontrino fiscale o fattura), entro 60 giorni dall’operatività della piattaforma, ovvero entro il 20 Aprile 2020. Il rimborso poi seguirà tramite accredito sul conto corrente le cui coordinate IBAN sono fornite al momento della presentazione della richiesta.

Ricordiamo, per completezza di informazione, che l’applicazione delle sanzioni per chi non si dota del seggiolini, variabili da 83 a 333 euro con decurtazione di 5 punti dalla patente, decorrerà dal 6 marzo 2020 prossimo. La sfasatura temporale rispetto al 7 novembre 2019 è stata concessa per dar tempo ai produttori di adeguarsi e ai consumatori di informarsi.
I fondi dedicati, utilizzabili fino ad esaurimento, sono di 20,1 milioni di euro in totale per il biennio 2019/2020.

Potrebbe interessarti anche: Nuovi monitor parametrici indicano il valore dell’emoglobina dei bambini

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 19 febbraio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su