Sessantaquattro anni di matrimonio per Maria e Mario, entrambi ospiti alla residenza di Villa Serena

Mario racconta che «la vita matrimoniale è stata bella e che Maria era molto precisa e si occupava di tutto, lavorava in casa cucendo le camicette e quando erano finite le ripiegava, le metteva in un telo nero, lo posava sul manubrio della bicicletta e le portava alla confezione». Un episodio che ha segnato la vita di Maria è stato durante la guerra, quando con altre persone venne messa insieme alla madre con le spalle al muro per essere fucilata dai tedeschi, ma uno dei prigionieri fuggì, i soldati lo inseguirono e Maria e la madre fortunatamente si salvarono, scappando

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

L'amore non ha età. Lo dimostra la festa che, ieri 13 agosto, ha visto protagonisti Maria e Mario alla Residenza per Anziani Villa Serena di Montaione.

I coniugi Maria (classe 1933) e Mario (classe 1932) hanno festeggiato i loro 64 anni di matrimonio con i familiari, le operatrici e gli altri amici ospiti della RSA.

Maria (“camiciaia” per le industrie di confezioni nell’empolese) e Mario (falegname) si sono conosciuti a Marti nel 1953 e sposati a Santa Maria di Empoli il 13/08/1955, con viaggio di nozze in treno a Avellino (paese di nascita di Mario) e Pompei.

Mario e Maria hanno avuto due figli, i nipoti ed anche una bisnipote.

Mario racconta che «la vita matrimoniale è stata bella e che Maria era molto precisa e si occupava di tutto, lavorava in casa cucendo le camicette e quando erano finite le ripiegava, le metteva in un telo nero, lo posava sul manubrio della bicicletta e le portava alla confezione».

Un episodio che ha segnato la vita di Maria è stato durante la guerra, quando con altre persone venne messa insieme alla madre con le spalle al muro per essere fucilata dai tedeschi, ma uno dei prigionieri fuggì, i soldati lo inseguirono e Maria e la madre fortunatamente si salvarono, scappando.

Maria è a Villa Serena per problemi di salute e Mario quasi tutti i giorni viene a trovarla e passeggiano nella struttura.

Le operatrici della RSA che hanno partecipato a questo momento di serenità e di affetto hanno augurato a Maria e Mario di «continuare a camminare insieme, mano nella mano, sui sentieri della vita».

Pubblicato il 15 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su