Solidarietà ai colleghi giornalisti di Antenna Radio Esse

«La Regione vigilerà - ha fatto sapere la vice presidente della giunta regionale, Monica Barni - e, come in occasione di altre situazioni di crisi aziendale, è disponibile ad accogliere attorno ad un tavolo le parti. Anzi, è già previsto lunedì un primo incontro informativo informale da parte di Gianfranco Simoncini, consigliere per il lavoro del presidente della Toscana. La chiusura di una testata giornalistica è sempre una perdita, per un'intera comunità»

Siena
  • Condividi questo articolo:
  • j

La storica emittente senese Antenna Radio Esse, attiva dal 1976, ha sospeso il notiziario. I giornalisti sono adesso in ferie forzate. Le trasmissioni riprenderanno dal 13 al 16 agosto, in occasione del Palio dell'Assunta, per poi esser interrotte di nuovo. Le indiscrezioni a riguardo avevano già cominciato da giorni a circolare sulla stampa senese. Una lettera da parte del Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti Toscana invitava la proprietà a "ricordare che un'azienda che si occupa di comunicazione non è per sua natura come tutte le altre, poiché ha una dimensione pubblica molto rilevante e richiede precise professionalità per essere gestita. [...] La credibilità di una testata, infatti, è determinata in primo luogo dai giornalisti che ogni giorno attraverso di essa raccontano i fatti, fanno interviste, riportano opinioni".

Non possiamo che unirci anche noi ai tanti messaggi di solidarietà che stanno arrivando ai nostri colleghi. Quello che sta succedendo ad Antenna Radio Esse, conosciuta e seguita anche in Val d'Elsa, riguarda tutti noi. Solidarietà anche da parte della Federazione nazionale della Stampa e all'Associazione Stampa Toscana, ovvero il sindacato dei giornalisti.

«La Regione vigilerà - ha fatto sapere la vice presidente della giunta regionale, Monica Barni - e, come in occasione di altre situazioni di crisi aziendale, è disponibile ad accogliere attorno ad un tavolo le parti. Anzi, è già previsto lunedì un primo incontro informativo informale da parte di Gianfranco Simoncini, consigliere per il lavoro del presidente della Toscana. La chiusura di una testata giornalistica è sempre una perdita, per un'intera comunità. Radio e tv locali sono garanzia di un giornalismo legato ai territori». 

Pubblicato il 9 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su