Sovicille, sorpreso a coltivare marijuana nell'orto: 500g pronti per lo spaccio

I militari lo stavano monitorando da alcuni giorni e, insospettiti dai suoi frequenti spostamenti all'interno della fitta vegetazione, hanno deciso di fare irruzione nella sua abitazione rinvenendo inizialmente 500 grammi di sostanza stupefacente già essiccata pronta per essere immessa sul mercato. I Carabinieri, nella medesima circostanza, hanno trovato anche dei semi di sostanza stupefacente occultati nella dispensa in cucina

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Si era ricavato un piccolo orticello nell'area boschiva adiacente alla propria abitazione, nel comune di Sovicille, ma non vi coltivava frutta o ortaggi. Un 49 enne umbro è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Sovicille, nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria rivolta alla repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i giovani.

I militari lo stavano monitorando da alcuni giorni e, insospettiti dai suoi frequenti spostamenti all’interno della fitta vegetazione, hanno deciso di fare irruzione nella sua abitazione rinvenendo inizialmente 500 grammi di sostanza stupefacente già essiccata pronta per essere immessa sul mercato. I Carabinieri, nella medesima circostanza, hanno trovato anche dei semi di sostanza stupefacente occultati nella dispensa in cucina.

La successiva perlustrazione della zona, dove era stato notato l’uomo nelle giornate precedenti, ha permesso di rinvenire dodici piante di marijuana di circa 2 metri di altezza, unitamente a materiale per la coltivazione e per il confezionamento dello stupefacente.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in stato di arresto in attesa di direttissima.

Pubblicato il 10 agosto 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su