Stibbert, il museo più affascinante per il New York Times

Il giornale americano ha definito lo Stibbert il museo più eclettico e attraente al mondo da seguire su Instagram. Oggi si celebra anche il suo "compleanno"

 FIRENZE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Se provassimo a chiedere, a turisti e non, il museo di Firenze, la risposta sarebbe quasi sicuramente la Galleria degli Uffizi. Un tesoro inestimabile dell’arte conosciuto in tutto il mondo. Firenze lascia sempre a bocca aperta per il patrimonio artistico che offre: il Duomo, Palazzo Vecchio, Galleria dell’Accademia solo per citarne alcuni.

Tuttavia chi ha stupito il giornalista del New York Times, Jason Farago, è stato il Museo Stibbert. Definito il museo più eclettico e attraente di Firenze, si è meritato il primo posto nella sua personale classifica dei musei con meno follower da seguire su Instagram. “Se gli Uffizi attraggono le grandi folle ed il David è continuamente oggetto di selfie, c’è una villa in collina dove un amatore anglo-fiorentino ha speso il suo patrimonio per creare una collezione di armature e porcellane”.

Il museo è nato dalle collezioni di Frederick Stibbert, è uno dei più interessanti esempi di ecletticismo ottocentesco, nonché una celebre dimostrazione di amore verso la città della nutrita comunità inglese che a fine ‘800 rappresentava una discreta fetta della popolazione. Un tripudio di sale neo-gotiche, neo-rinascimentali e con una collezione di più di 50mila pezzi che comprende dipinti, armature, porcellane, arredi antichi, ventagli e bottoni. La sezione più interessante è quella delle armature, circa 16mila pezzi di varie epoche provenienti dal centro Europa, dall’area balcanica, dal Medio Oriente e dal Giappone.

All’esterno dell’edificio si trova un suntuoso parco all’inglese dove si trovano numerosi monumenti, fontane e sculture. Vegetazione ad alto fusto e vialetti intricati che salgono e scendono dalla boscaglia. Per i più romantici è presente un laghetto dove c’è un piccolo tempio in stile neo-egizio, ed un vialetto decorato da una fila di sculture di busti classici tipico del giardino all’italiana. Infine, tipicamente fiorentino sono le numerose statue in terracotta sparse all’interno del parco.

Oggi del bellissimo museo si celebra anche il compleanno: Il complesso architettonico sul colle di Montughi, lungo le vie omonime di Stibbert e Montughi, ospita il Museo Stibbert che da residenza e collezione privata, divenne museo il 12 aprile del 1908, dopo alcune controversie tra il governo inglese e il comune di Firenze.

Una curiosità, in foto di copertina si può ammirare la Sala della Cavalcata, che si compone di 12 cavalieri: 4 tedeschi, 3 italiani, uno francese, e 4 turchi. Cavalli e manichini vennero realizzati appositamente per lui.

Potrebbe interessarti anche: Museo Stibbert, un viaggio nel passato con armi ed armature antiche

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 12 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su