Lamm Lavorazioni Metalliche

Tasso di disoccupazione in Europa: quello che c'è da sapere

La disoccupazione è una questione tutt’ora attuale in Europa. Ecco quali sono gli sviluppi, le statistiche e i pronostici per questi anni

 DISOCCUPAZIONE IN EUROPA
  • Condividi questo articolo:
  • j

In molti paesi europei, la disoccupazione rimane più alta di quanto non fosse prima dell'inizio della crisi economica e finanziaria circa dieci anni fa. Tra quelli che più devono correre ai ripari troviamo la Croazia, Cipro, la Grecia e il Portogallo.

Tuttavia, con coerenti politiche economiche orientate al welfare, si potrebbe ottenere un significativo miglioramento della situazione sia a livello nazionale che europeo.

Queste politiche dovrebbero basarsi soprattutto su investimenti pubblici e su una politica attiva del mercato del lavoro, implementata anche dalla diffusione dei CV Europass online. Ciò potrebbe ridurre il livello inaccettabilmente elevato di disoccupazione, ma andiamo più nel dettaglio.

L'evoluzione della disoccupazione in Europa

La crisi finanziaria ed economica del 2008-2009 ha portato a un forte aumento della disoccupazione in Europa. Nell'area dell'euro il tasso di disoccupazione è passato dal 7,5% del 2007 al 12% del 2013; nel 2018 ammontava ancora all'8,2%.

La disoccupazione nell'area dell'euro è quindi attualmente ancora più elevata di quanto non fosse prima dell'inizio della crisi, circa dieci anni fa. Secondo le statistiche ufficiali di Eurostat, nel settembre 2008 11,6 milioni di persone erano disoccupate nell'area dell'euro; più recentemente quel numero è arrivato a 12,8 milioni di persone, ovvero circa 1,2 milioni in più rispetto al periodo pre-crisi.

Sebbene vi sia stata una ripresa economica prolungata per gran parte del 2017-2018, il problema della disoccupazione rimane grave e dovrebbe essere affrontato con urgenza dai responsabili politici. Naturalmente, i problemi sono distribuiti in modo disomogeneo tra i paesi europei, poiché i paesi dell'Europa meridionale più colpiti dalla crisi e dalle politiche di austerità continuano ad affrontare le maggiori sfide del mercato del lavoro.

Gli scostamenti dall'obiettivo di piena occupazione sono tanto più problematici perché le prospettive per l'economia della zona euro stanno già peggiorando in un contesto di crescenti rischi globali, anche se parte del sentiment negativo potrebbe alla fine rivelarsi eccessivo.

Perché la disoccupazione in Europa è ancora così elevata

La stessa Italia mostra dati non buoni, con una disoccupazione che supera il 10%. Perché la disoccupazione in molti paesi europei è ancora a livelli elevati rispetto al periodo pre-crisi? La questione è di cruciale importanza dal punto di vista della politica economica. Negli ultimi anni, numerose istituzioni internazionali e importanti policymaker economici a livello europeo hanno sottolineato l'importanza dei fattori strutturali e istituzionali.

Si dice che la disoccupazione sia relativamente alta in gran parte dell'Europa perché la crisi avrebbe dimostrato che le istituzioni del mercato del lavoro sono troppo "rigide". Coloro che sostengono questo punto di vista sottolineano ciò che vedono come salari minimi e indennità di disoccupazione eccessivamente elevati, rigide normative sulla protezione dell'occupazione, oneri fiscali elevati per le aziende e un'influenza distorcente dei sindacati. In breve, si ritiene che l'elevata disoccupazione sia generalmente dovuta all'elevata disoccupazione "strutturale".

L'opinione dominante nella politica economica europea degli ultimi dieci anni è stata che riducendo i salari minimi ei sussidi di disoccupazione e facilitando alle aziende l'assunzione e il licenziamento dei lavoratori, il problema della disoccupazione si risolverebbe da solo. I responsabili politici si aspettavano che misure come i tagli alle indennità di disoccupazione, lo smantellamento delle normative sulla protezione dell'occupazione e l'indebolimento dei sindacati attraverso il decentramento del sistema di contrattazione salariale avrebbero eliminato le "rigidità del mercato del lavoro" che presumibilmente ostacolano una riduzione della disoccupazione.

I fattori macroeconomici fondamentali per spiegare la disoccupazione

Una scoperta centrale della ricerca recente è che l'accumulazione di capitale – definita come il rapporto tra gli investimenti fissi lordi e lo stock di capitale netto, che misura i tassi di variazione dello stock di capitale – è una determinante fortemente significativa ed economicamente rilevante del tasso di disoccupazione.

Sebbene le istituzioni del mercato del lavoro possano avere una certa influenza sulla disoccupazione nelle economie sviluppate, questa influenza sembra essere molto minore dell'influenza di variabili macroeconomiche come l'accumulazione di capitale e il tasso di interesse reale a lungo termine. In particolare, all'aumentare dell'accumulazione di capitale, la disoccupazione diminuisce (e viceversa).

Cosa poter fare

Chi è alla ricerca di lavoro o sta lavorando ma con un contratto a scadenza, potrebbe certamente cercare di evitare la disoccupazione grazie, per esempio, a una ricerca di lavoro su ampio spettro in tutta Europa. Questo è inoltre altamente professionalizzante se si pensa che ancora oggi le esperienze all’estero sono viste di buon occhio, oltre al fatto che per una serie di lavori ci sono migliori opportunità fuori dall’Italia.

Per questo, non resta che individuare le realtà di proprio interesse e preparare un ottimo CV Europass. Tutto questo sperando che col tempo anche la situazione italiana migliori e non si debba sacrificare la propria professionalità pur di ottenere un ruolo lavorativo. 

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Montespertoli, Il Comune cerca un tirocinante: ecco come fare domanda

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 25 gennaio 2023

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su