Tavarnelle in lutto: è scomparso Paolo Calosi

Una pioggia di ricordi via social per 'Paolone'

 PAOLO CALOSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Paolo Calosi è scomparso all'età di 78 anni, in seguito ad una terribile malattia. Ed è proprio attraverso i social che i ricodi di 'Paolone' sono arrivati, in primis quello del sindaco del Comune di Barberino Tavarnelle David Baroncelli: "C’è una poesia infinita in ogni sguardo che hai dato alla vita. C’è una passione inesauribile per la politica come impegno civico e come dovere prima che come affermazione personale - scrive - c’è una delicatezza straordinaria insista in ogni gesto per gli altri, anche il più duro se e quando necessario. Hai dato tanto a chi ha saputo ascoltare passione delicatezza e poesia, a tutte e tutti noi. Mi hai dato tanto, tanto e ancora tanto dentro di me deve essere “imparato”, ogni giorno. Ciao Compagno, Ciao Paolo".

 E poi Serena Spinelli, adesso assessora regionale: ''Chi ha passato gli anni nella sinistra fiorentina, tra i tavoli e le cucine della Festa de L’Unità, non potrà dimenticare quell’omone dal carattere schietto, la battuta pronta, l’animo buono. Ci ha insegnato cosa vuol dire essere compagni condividendo la passione, l’impegno e anche un po’ di sana follia. Mi ha insegnato a crederci sempre, a non arrendermi. La politica, la sinistra, l’arte contemporanea, la sua Tavarnelle, lo stare insieme. Ha dato tanto a tutti noi, così come al suo territorio. Paolone c’è sempre stato e ci mancherà tanto".

E poi le tante voci dei 'compagni' di Feste de L'Unità che negli anni hanno attraversato il mondo della sinistra fiorentina, in questi anni confusi, restano le parole con cui Paolone chiudeva sempre i suoi interventi anche qui, nel mondo digitale: "Evviva la vita!".

Potrebbe interessarti anche: È scomparsa la targa della panchina di Bart sulla pista ciclabile Poggibonsi-Bellavista

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 30 agosto 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su