Diba

Tennis Club San Gimignano, i soci: 'In corso una deriva anti-democratica e arrogante all'interno del circolo'

Secondo i portavoce dei soci l'APD avrebbe deciso di sciogliere il consiglio direttivo del circolo e di non rinnovare i contratti a tre insegnanti

 SAN GIMIGNANO
  • Condividi questo articolo:
  • j

C’è aria di tempesta al Tennis Club San Gimignano dopo che l'APD, associazione sportiva che gestisce gli spazi di Santa Lucia, avrebbe deciso di sciogliere unilateralmente il consiglio direttivo della sezione tennis e di non rinnovare il contratto ai tre insegnanti. Ecco le dichiarazioni dei portavoce di soci, genitori e frequentatori del circolo.

Denunciamo da mesi una deriva anti-democratica e arrogante all’interno del circolo da parte di chi dovrebbe tutelare il gioco del tennis praticato nelle strutture comunali. Tutto è cominciato improvvisamente, senza un apparente motivo, attraverso un atteggiamento ostile nei confronti dei tre insegnanti che da cinque anni svolgono un lavoro egregio all’interno del circolo. Essi sarebbero stati vittime di attacchi molto gravi sul piano personale e professionale da parte della persona preposta a rappresentare l’APD all’interno del circolo e non sono mai stati ascoltati né difesi dai vertici dell’APD rappresentati dal presidente Roberto Bagnai, che hanno preferito girarsi dall’altra parte”. Gli insegnanti in questione sono Filippo Ravagni, Valentina Gemini e Alessio Laganà.

Come ciliegina sulla torta – continuano – l’APD avrebbe preso la decisione di scogliere, in maniera unilaterale, il consiglio direttivo della sezione tennis mettendo a capo una sola persona, proprio quella che ha scaturito tutti i contrasti con gli insegnanti. Si tratta di una decisione provocatoria e soprattutto contraria ad ogni spirito democratico alla base di un’associazione: chiediamo immediatamente libere elezioni e il ripristino di un consiglio rappresentativo dei soci. Oltre a questo abbiamo richiesto un parere legale in merito alle modalità di gestione da parte dell’APD. Abbiamo cercato di arrivare ad un compromesso, con la mediazione del Comune di San Gimignano, del Sindaco e dell’Assessore allo Sport che ringraziamo sentitamente per il loro impegno, ma dall’altra parte abbiamo trovato solamente un muro e nessuna volontà di ascoltare le nostre ragioni”.

Potrebbe interessarti anche: Sonar, finisce la storia dello storico locale colligiano

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 16 settembre 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su