Terza dose vaccini: proseguono le somministrazioni nelle RSA della zona empolese valdelsa

Già vaccinate 180 persone, tra ospiti e operatori sanitari

 EMPOLESE VALDELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Prosegue la somministrazione della terza dose del vaccino anticoronavirus agli ospiti delle RSA della zona Empolese Valdelsa, Valdarno Inferiore. La scorsa settimana sono stati già vaccinati 150 ospiti e 30 operatori sanitari che attualmente risiedono presso le RSA Madonna del Rosario di Orentano, la RSA Chiassatelle di Empoli e Villa Serena di Montaione. I restanti ospiti saranno vaccinati non appena trascorsi i 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Il tipo di vaccino utilizzato è Pfizer o Moderna, secondo la tipologia somministrata durante il primo ciclo.

“Questa dose addizionale di vaccino è un’occasione per completare il percorso di immunizzazione degli ospiti anziani o disabili e gli operatori in servizio presso le strutture residenziali. La somministrazione delle dosi è stata possibile grazie alla stretta collaborazione con i medici di famiglia del territorio, insieme gli infermieri della struttura e sotto il coordinamento del personale sanitario dell’Azienda sanitaria per la fornitura dei vaccini - sottolinea il dottor Paolo Amico, Direttore Coordinamento Sanitario Servizi Zona Empolese Valdarno Inferiore”.

La campagna di vaccinazione prosegue nelle prossime settimane nelle altre strutture residenziali presenti nella zona dell’Empolese Valdelsa Valdarno. Il team Usca, l’Unità speciale di continuità assistenziale, composta da un medico ed un infermiere, avrà il compito di somministrare le dosi vaccinali in collaborazione dei Medici di Medicina Generale. Si prevede di completare la vaccinazione della terza dose entro la fine del mese di ottobre.

Potrebbe interessarti anche: Green Pass a lavoro: ecco le FAQ del Governo sugli ultimi dpcm

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 13 ottobre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su