Torna il tradizionale concerto dei Servi della Gioia

Il gruppo nasce in modo del tutto casuale nel 2007 in occasione del matrimonio di due giovani poggibonsesi, che chiesero ad un gruppo di amici di animare la loro cerimonia

  • Condividi questo articolo:
  • j

Per il terzo anno consecutivo il coro Servi della Gioia si esibirà alle ore 11 di domani, domenica16 dicembre 2018, sul palco del Teatro Politeama di Poggibonsi, diretto come sempre dal maestro Emanuele Biotti. Un coro che vanta già numerosi successi e due sorprendenti sold-out nelle precedenti edizioni tenutesi sempre durante la matinèe musicale delle feste natalizie al teatro Politeama.

Il gruppo nasce in modo del tutto casuale nel 2007 in occasione del matrimonio di due giovani poggibonsesi, che chiesero ad un gruppo di amici di animare la loro cerimonia. Quel gruppo di amici da allora si è notevolmente ampliato, con la stessa gioia e lo stesso amore per la musica e per gli altri, crea eventi musicali e concerti legati non solo a celebrazioni religiose, ma e soprattutto, con un unico fine, la solidarietà. E' questo il fine che si propone il coro Servi della Gioia, aiutare gli altri, finanziare progetti religiosi e non solo, attraverso la musica e l'amore per il prossimo, aiutare chi ha bisogno, chi si prodiga per la società.

Un repertorio vasto ed inusuale allieterà gli spettatori del Politeama, spaziando da musiche di Michael Jackson, degli U2, di Cohen, ma anche brani della tradizione natalizia internazionale,  trasportando grandi e piccini in un clima di grande festa. Solisti di grande talento si alterneranno sul palco con una cornice di oltre quaranta coristi che non solo canteranno, ma daranno vita ad un vero e proprio spettacolo, con un solo fine, trasmettere l'amore per gli altri, soprattutto per chi è meno fortunato.

Un carismatico Emanuele Biotti  guiderà con competenza ed un pizzico di originalità Mary Loscerbo, Marco Simoncini Irene Gonnelli, i bravissimi solisti che si alterneranno sul palco, un coro che vanta ogni anno numerosi nuovi ingresso ed un gruppo di bravi musicisti dall'indubbio valore. Un valore indubbio anche quello di Evelina Scalera, la giovane che si occupa della Casa Famiglia di Cedda, un luogo dove carità, amore e solidarietà sono all'ordine del giorno e che sarà protagonista della donazione dei proventi realizzati durante il Concerto del 16 dicembre. Una casa dove donne, giovani in difficoltà trovano accoglienza ed un rifugio per i momenti di difficoltà e dove gli occhi dolcissimi di Evelina, forniranno loro il calore che talvolta la durezza della vita porta troppo lontano.

Pubblicato il 15 dicembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su