Toscana verso la zona gialla, ma preoccupano alcuni dati

L'indice Rt della regione si sta stabilizzando sotto l'1. Ma restano alti i numeri delle terapie in ospedale con pochi medici a disposizione

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Numeri in calo di contagi e di terapie ospedaliere. Il Covid sembra rallentare in Toscana, ieri solo 644 nuovi contagi. Un dato numerico così basso che non si registrava dal 16 febbraio scorso, con una percentuale del 9,3% per tamponi effettuati. A Firenze la media di contagi giornalieri è diminuita sensibilmente, dai 300- 400 nuovi casi al dì ai 189 di ieri. Tutte le altre province toscane, compresa Prato, sono sotto i 100 nuovi casi. I ricoveri nei reparti Covid sono 1.822 in totale, con un calo di 28 in un solo giorno. Tra questi, 269 persone sono ricoverate in terapia intensiva. Un dato negativo continua a registrarsi per il numero di decessi, 28 nella giornata di martedì.

Con questi numeri, la Toscana spera di tornare in zona gialla dal prossimo lunedì 26 aprile. Tuttavia preoccupano i numeri delle terapie intensive che sono occupate al 42%. Nel caso in cui la regione diventasse gialla, la Regione venerdì dovrebbe riunirsi per decidere se, e quali, province dovranno rimanere in zona arancione. Sotto osservazione resta Prato con contagi settimanali ancora alti, una media di 250 nuovi contagi ogni 100mila abitanti. Le Province con i dati più ottimisti sono quelle di Arezzo, Livorno, Massa- Carrara e Pisa.

Gli ospedali che stanno vivendo maggiori criticità sono quelli della zona di Firenze, Prato e Pistoia. A destare le maggiori preoccupazioni è la carenza di medici all’interno dei pronto soccorso. L’ospedale più in difficoltà è quello di Prato. Un caso limite è l’Ospedale di Borgo San Lorenzo: da undici medici presenti, adesso ne sono presenti cinque, più due ingaggiati a tempo determinato e uno ad orario ridotto. Adesso si sta valutando di trasferire, all’interno del pronto soccorso di Borgo San Lorenzo, medici di altri reparti per sopperire alle carenze.

Potrebbe interessarti anche: Vaccino Covid, due giorni di accesso libero negli hub per gli over 80

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 21 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su