Traffico internazionale di stupefacenti: indagini anche in provincia di Siena e di Firenze

Le indagini hanno permesso di individuare un gruppo criminale organizzato, composto prevalentemente da soggetti di nazionalità albanese, dedito all'importazione, al trasporto e alla distribuzione di ingenti quantitativi di marijuana. Lo stupefacente, trasportato a bordo di imbarcazioni dall'Albania sulle coste pugliesi, veniva inviato, in un flusso costante, alle principali piazze di smercio italiane. Nel corso dell’attività investigativa è stata sequestrata circa mezza tonnellata di marijuana

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

E’ in corso un’operazione dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Firenze, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia del capoluogo toscano, nei confronti di un’associazione per delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti.

Sono cinque i soggetti destinatari di provvedimenti di custodia cautelare emessi dal GIP (quattro albanesi e un italiano), nelle province di Firenze, Siena, Brindisi e in Albania (Valona).

Le indagini hanno permesso di individuare un gruppo criminale organizzato, composto prevalentemente da soggetti di nazionalità albanese, dedito all’importazione, al trasporto e alla distribuzione di ingenti quantitativi di marijuana. Lo stupefacente, trasportato a bordo di imbarcazioni dall’Albania sulle coste pugliesi, veniva inviato, in un flusso costante, alle principali piazze di smercio italiane. Nel corso dell’attività investigativa è stata sequestrata circa mezza tonnellata di marijuana.

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la sede Comando Provinciale Carabinieri di Firenze, in Borgo Ognissanti, alle ore 10.30.

Pubblicato il 31 maggio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su