Tragedia sfiorata a Colle durante i Campionati Regionali Toscana: atleta salva grazie al Dae

'Mattinata di spavento per tutti', scrive su Facebook uno dei partecipanti. «Le condizioni sono apparse subito critiche», ha detto Andrea, uno dei soccorritori, che ci ha ribadito l'importanza delle manovre di primo soccorso e dell'utilizzo del defibrillatore semiautomatico Dae, di cui l'impianto sportivo è dotato. Ancora una volta questo caso è la dimostrazione di come la formazione del personale, la tempistica e la collaborazione possano salvare una vita

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Un brutto episodio, fortunatamente a lieto fine, si è verificato sabato scorso, durante la prima giornata dei Campionati Regionali Toscana di nuoto che si sono tenuti alla Piscina Olimpia di Colle di Val d'Elsa. Un'atleta della Dimensione Nuoto Pontedera ha avuto un malore nella seconda parte della gara degli 800 metri stile libero. Si è fermata, ha ripreso e poi, poco dopo, ha lasciato la vasca decidendo di ritirarsi dalla competizione. Appena uscita dall'acqua, si è subito accasciata. Sono tempestivamente intervenuti il medico che era presente alla gara e i volontari della Pubblica Assistenza di Colle che erano presenti con un'ambulanza a servizio della manifestazione, seguiti dal 118. Le è stato fatto il massaggio cardiaco, utilizzando poi anche il defibrillatore. Le manovre si sono protratte per oltre venti minuti, fino a quando la donna non ha cominciato a riprendere conoscenza ed è stata trasportata all'Ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena per accertamenti.

"Mattinata di spavento per tutti", scrive su Facebook uno dei partecipanti. «Le condizioni sono apparse subito critiche», ha detto Andrea, uno dei soccorritori, che ci ha ribadito l'importanza delle manovre di primo soccorso e dell'utilizzo del defibrillatore semiautomatico Dae, di cui l'impianto sportivo è dotato. Ancora una volta questo caso è la dimostrazione di come la formazione del personale, la tempistica e la collaborazione possano salvare una vita.

Pubblicato il 11 febbraio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su