Bisniflex materassi Poggibonsi

Trasportava 125 chili di hashish nel doppiofondo di un furgone rubato

In corrispondenza del casello A/1 di Firenze Nord, un autocarro Fiat Ducato con a bordo il solo conducente, un uomo di 58 anni nato e residente a Latina

 PROVINCIA DI FIRENZE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nel primo pomeriggio di ieri, 8 giugno, nell’ambito di mirati servizi per il contrasto del fenomeno del furto e riciclaggio dei veicoli rubati, una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Firenze sottoponeva a controllo, in corrispondenza del casello A/1 di Firenze Nord, un autocarro Fiat Ducato con a bordo il solo conducente, un uomo di 58 anni nato e residente a Latina.

Ad un primo controllo dei documenti di circolazione, emergevano dubbi circa la lecita provenienza del veicolo, il quale, infatti, a seguito di successivi e approfonditi accertamenti, risultava provento di furto avvenuto due mesi prima a Latina. Il personale operante procedeva quindi alla perquisizione del mezzo e nella circostanza notava che il pianale in legno, posto a protezione del vano di carico, risultava leggermente sollevato e le relative viti di fissaggio non perfettamente posizionate.

La rimozione del predetto pianale permetteva di rinvenire un doppiofondo, nascosto da una botola ad azionamento idraulico, all'interno della quale venivano rinvenute 26 buste di cellophane termosaldate contenenti delle confezioni sferiche nelle quali risultava occultata sostanza stupefacente, identificata come hashish, per un peso complessivo di circa 125 kg. Il conducente veniva pertanto tratto in arresto e associato alla casa Circondariale di Sollicciano su disposizione della Procura della Repubblica di Firenze mentre la sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro e messa a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Potrebbe interessarti anche: Atti vandalici a Certaldo: bici appesa alla porta del campino di calcetto

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 10 giugno 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su