Tutto pronto per la 31^ edizione di Mercantia 'Tra la terra e il cielo'

Grande novità, la produzione internazionale 'Mysteries & Drolls' cofinanziata dal Programma Europa creativa - Comunità Europea e il 'Progetto Account' con gli abitanti che aprono la loro casa al pubblico

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Superata la soglia del trentennale, Mercantia, il Festival che più di ogni altro ha fatto conoscere il teatro di strada in Italia, si rinnova in apertura del quarto decennio e da “Festival internazionale del teatro di strada” con la 31° edizione “Tra la terra e il cielo” diventa “Festival internazionale del Quarto Teatro” e si svolgerà come sempre a Certaldo, da mercoledì 11 a domenica 15 luglio 2018, col patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Grande novità, la produzione internazionale “Mysteries & Drolls” cofinanziata dal Programma Europa creativa - Comunità Europea e il “Progetto Account” con gli abitanti che aprono la loro casa al pubblico: in un’epoca di muri che si alzano contro i migranti e di “realtà virtuale”, si propongono quindi accoglienza e identità reali. 

Poi, ogni sera, ci saranno sempre gli oltre 400 artisti ed i quasi 100 spettacoli che hanno reso celebre il Festival che, però, non sarà più fatto solo di teatro di strada. "Mysteries & Drolls", progetto di ricerca e produzione triennale su arti giullaresche, tra sacro e profano, porterà a Certaldo spettacoli che hanno debuttato al Festival of Fools di Belfast (Irlanda del Nord),realizzati in collaborazione col Fools e anche con Gliwice (Polonia), da Teatre A di Lorrach (Germania), Tempus Fugit e Elche di Alicante (Spagna). Un progetto triennale che reinventa in chiave contemporanea l’arte del giullare di piazza. Dal fronte comunitario, in senso di comunità europea, a quello della comunità locale: il "Progetto Account” vede ogni sera più di 10 case del borgo alto che si aprono, su prenotazione, le porte ad un piccolo gruppo di spettatori. Saranno accolti nel salotto buono, in cucina o in giardino, per condividere un pezzo di vita di chi lì abita tutto l'anno, tra un caffè e un bicchiere di vino: il pensionato racconterà solo con le parole, il giovane forse suonerà anche uno strumento, qualcuno preparerà da mangiare mentre parla, altri parleranno col corpo o con le immagini del loro vivere Certaldo e vivere Mercantia ogni anno. Ma non sarà una rappresentazione studiata prima, bensì un racconto di sè che nascerà sul momento, dalla condivisione, perchè la parola “Account" scritta, in inglese, è sinonimo di identità virtuale, ma “accaunt”, la pronuncia, può far pensare e significare “accanto”, o “al canto” del fuoco, o ad ascoltare “un canto”, o un “conto” (cioè un racconto). Il programma 2018 si articola poi in tante sezioni, dedicate ai vari tipi di spettacolo, ecco qui le più interessanti novità di quest’anno.

International 

Spazio speciale alle tradizioni giapponesi in occasione dei 35 anni di gemellaggio di Certaldo con la città di Kanramachi: le percussioni tradizionali giapponesi suonate dagli Ataru Taiko Percussion Group; la giocoleria di ispirazione shintoista del “Daikagura”, performance benaugurale di origine sacra oggi diventata intrattenimento, col duo Senmaru e Yuki in kimono tradizionale; la rituale danza del dragone, Shi-shi-mai, direttamente da Kanramachi. Un tuffo dall’Oriente alle origini del mondo con gli olandesi Close Act ed i loro Saurus, giganteschi dinosauri futuristici alti fino a cinque metri che si muovono tra la folla minacciando un futuro ritorno alla notte dei tempi. Dalle grandi scenografie alla poesia dei piccoli gesti: storie d’amore senza parole con giocolerie, acrobazia e improvvisi cambi di scena per il Duo Looky (Israele) e gli The Eccentric Show (Brasile). Marionette di grande tradizione nordica invece con i Kabaré Púpala Marionetas (Germania)ed il loro The Wolve Minski And His Friends, piccolo lupo che non riesce ad essere così pericoloso come vorrebbe. Mentre dall’Argentina arriva Manic Freak con Pequeño Payaso, freak che cerca difficili equilibri in aria.

Teatro di (e in) strada

Tanti artisti da ogni regione d’Italia con la danza di tessuti delle Biliku che in Unite danzano ispirandosi al buddismo di Nichiren Daishonin e dal Sutra del Loto. I Nuovi Angeli del Silence Teatro che si appostano nel borgo per “accudire” gli spettatori, L’uomo tigre di Guascone Teatro, che rappresenta umanità opposte da balera che si confessano in modo comico e "squassevole". Arnaldo Mangini in Zen & Now, un vero “animale da palcoscenico” che ironizza sulla moda della ricerca del benessere interiore.

Street and marching band 

Non manca la musica a Mercantia con i Brigada Pirata ed il loro Black Sam, Tha Prince O’ Pirates, ispirati alle ballate ed alle danze che i marinai anglosassoni intonavano sui velieri alla volta delle Antille nel ‘600. Ivan e la Van Dyke Orchestra, one man band (uomo orchestra) poetico e comico nel suo spettacolo dedicato alla musica della Campania, Peppe Millanta & Balkan Bistrò dall’Abruzzo con un esplicativo e scatenato Balkanizziamoci!, cui fa da controcanto Suoni di Seba con Gayatry Mantra, Incontro vibrazionale con i “Tam Armonici”. E dalla musica di strada alle vere e proprie street band, dove spicca la Granbanda con Contaminazioni, l’unione di due band - BadaBimBumBand e Alchimie musicali - che mettono in scena un incontro-scontro, un gioco di seduzione e di incontro tra i fiati, maschili, e gli archi, femminili. Ma anche la Zastava Orkestar, i famosi “zzingheri di Maremma”, con il nuovo spettacolo.

Giardini segreti

Per chi vuole rifugiarsi al chiuso, al riparo dai rumori e dalla dimensione carnascialesca del Festival , nei “Giardini segreti”, piccoli spettacoli e performance su prenotazione, con Àrhat Teatro/Tzela’ Teatro con Via della memoria (dedicato ad Hanna Weiss); Ivana Caffaratti in Donne che danzano coi lupi; La Famiglia Danzante ne Il bacio; i tableaux vivants di Teatri 35 con Per grazia ricevuta, ispirati alle opere di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Evocativa del tema 2018, ‘Tra la terra e il cielo’ è in tal senso l’immagine ufficiale del nuovo “Festival del Quarto Teatro”, è un manifesto diverso dal solito, quasi diviso in due come il titolo di questa 31° edizione: “Tra la Terra e il Cielo”. Con i “Saurus” dei Close Act, draghi e streghe che idealmente si librano nell’aria, cui fanno da controcanto e contrappeso gli angeli del Silence Teatro, angeli non divini ma “umani”, scesi a terra per stare a fianco dell’umanità. Anche quest’anno l’ingresso al Festival sarà gratuito nella parte bassa, dove sarà allestito il grande mercato di artigianato e uno spettacolo importante; a pagamento nella parte alta. Biglietti interi dai 10 ai 20 euro a seconda della serata, con vari sconti e riduzioni disponibili. Da segnalare la riduzione soci Unicoop Firenze per entrare mercoledì 11 o giovedì 12 a soli 7,50 euro, oppure (solo in prevendita nei negozi abilitati) l’abbonamento 5 sere a 45 euro.

Mercantia, 31° Festival Internazionale del Quarto Teatro, si svolge a Certaldo dal 11 al 15 luglio 2018, con il contributo di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Toscana, con il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze, Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa, ANCI, e vede al suo interno il progetto speciale “Mysteries & Drolls” cofinanziato dal Programma Europa creativa dell’Unione Europea.

Pubblicato il 9 luglio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su