Uffici postali della Valdelsa, incontro in Regione per scongiurare le chiusure

A Palazzo Strozzi Sacrati si continua a lavorare per tenere aperti gli uffici postali: tutti i cinquantanove di cui era stata annunciata la chiusura, compresi i diciassette che nel frattempo hanno tirato giù i battenti, e non solo i quarantadue per cui il Tar, a cui si erano rivolti i Comuni, ha imposto una sospensiva. Lunedì 21 settembre 2015 c'è stato infatti un nuovo incontro tra Poste e Regione, dopo quello della scorsa settimana

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il Tar della Toscana ha accolto la richiesta di sospensiva della chiusura degli uffici postali presentata da alcuni Comuni toscani. Tuttavia, gli uffici valdelsani di Castelnuovo d'Elsa (Castelfiorentino), Pievescola (Casole d'Elsa) e Marcialla (Barberino Val d'Elsa) sono ancora a rischio. A Palazzo Strozzi Sacrati si continua a lavorare per tenere aperti gli uffici postali: tutti i cinquantanove di cui era stata annunciata la chiusura, compresi i diciassette che nel frattempo hanno tirato giù i battenti, e non solo i quarantadue per cui il Tar, a cui si erano rivolti i Comuni, ha imposto una sospensiva. Lunedì 21 settembre 2015 c'è stato infatti un nuovo incontro tra Poste e Regione, dopo quello della scorsa settimana. Erano presenti anche i rappresentanti dell'Anci, l'associazione dei comuni toscani, e il caposegreteria del sottosegretario Giacomelli, Alessio Beltrame. Un terzo incontro è stato messo in calendario a breve.

La riunione è servita ad esaminare nel concreto, numeri alla mano, servizi che potrebbero essere gestiti da Poste e far aumentare il volume di affari degli sportelli, a costo zero per la Regione e per le amministrazioni locali.

«E' l'ipotesi scaturita dagli ultimi incontri e su cui stiamo lavorando, su suggerimento anche del sottosegretario Giacomelli», spiega il presidente della Toscana, Enrico Rossi. Una delle idee è quella di offrire a Poste la possibilità di vendere nei propri uffici biglietti ed abbonamenti per treni e bus, come oggi fanno tabaccai, bar e in qualche caso anche supermercati. Il tutto, naturalmente, previo accordo con le aziende di trasporto. Altre ipotesi sotto osservazione riguardano servizi legati a prestazioni sanitarie.

«Apprezzo che nei diciassette uffici già chiusi Poste non abbia ancora disdetto i contratti di affitto - sottolinea Rossi -: vuol dire che c'è ancora la volontà di tenere una porta aperta. Il risultato per cui stiamo lavorando mi sembra vincente per tutti: per Poste che potrà aumentare il proprio volume di affari, per la Regione che vedrà garantito un miglior funzionamento della pubblica amministrazione e per il cittadino che non si vedrà chiudere l'ufficio postale e vedrà aumentare i servizi offerti».

Il presidente della Toscana guarda poi oltre. «Negli ultimi anni ci siamo trovati di fronte a ripetuti piani di razionalizzazione degli uffici postali - conclude Rossi -. Il modello che proviamo a mettere ora in campo potrebbe essere risolutivo e scongiurare anche eventuali e possibili chiusure future». 

Pubblicato il 21 settembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su