Una scala mobile che collega Colle Bassa a Colle Alta: la proposta di 'SìAmoColle'

«Le scale mobili collegheranno la zona della Fabbrichina alle mura di Bacìo - spiega Bargi -. La loro realizzazione terrà conto della differenza morfologica dei due ambiti per collegare due punti strategici, focali, di arrivo di veicoli sia dei turisti, sia dei cittadini della Valdelsa». Le scali mobili non avranno una funzione fine a se stessa, ma collegheranno «un parcheggio da 180 posti. L'obiettivo è intercettare il flusso turistico di passaggio che attraversa Colle diretto verso San Gimignano, e attrarlo nella nostra città

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Una scala mobile per ricucire la parte bassa della città con  quella alta, con relativo parcheggio di servizio. È il progetto di Angela Bargi, candidata sindaco della lista civica SìAmo Colle dal duplice valore, promuovere il turismo e rilanciare il commercio rivitalizzando le zone dov’è più concentrato. «La nostra non è un'idea campata in aria, ma un progetto concreto, reale, per il quale abbiamo fatto una valutazione dei costi e della sua fattibilità, oltre che dei benefici che può dare sul turismo», commenta Bargi.

Scale mobili per collegare storia e modernità. Il progetto «vuole unire la parte alta e quella bassa. Un modo per far ripartire Colle da un punto di vista turistico e commerciale. Le due realtà soffrono di problemi complementari, di non adeguata valorizzazione e fruibilità turistica, la città Alta, di impoverimento del commercio la parte Bassa».

Il progetto. «Le scale mobili collegheranno la zona della Fabbrichina alle mura di Bacìo. La loro realizzazione terrà conto della differenza morfologica dei due ambiti  per collegare due punti strategici, focali, di arrivo di veicoli sia dei turisti, sia dei cittadini della Valdelsa». Le scali mobili non avranno una funzione fine a se stessa, ma collegheranno «un parcheggio da 180 posti. L'obiettivo è intercettare il flusso turistico di passaggio che attraversa Colle diretto verso San Gimignano, e attrarlo nella nostra città. Sia che l'attracco avvenga dalla parte alta, dalla zona delle Grazie da dove in pochi minuti a piedi si arriva a Porta Nova, sia che il turista arrivi nella zona bassa», continua Bargi.

Valore turistico e commerciale. Quella delle scale mobili è un'idea che nasce dalla constatazione di quanto il turismo non trovi la giusta collocazione come elemento chiave nel tessuto economico colligiano e di quanto Colle soffra il calo del commercio, non soltanto nella parte bassa della città.

Pubblicato il 22 aprile 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su