Unità, bellezza, contemporaneità per l'Ambito Turistico Chianti

Inizia il viaggio di sei comuni toscani per la promozione di un territorio accogliente e autentico, hanno presentato gli obiettivi dell'Ambito Turistico Chianti

 CHIANTI
  • Condividi questo articolo:
  • j

L’Ambito chiantigiano, il primo a cavallo tra le province di Firenze e Siena, lancia una nuova campagna di promozione e informazione, caratterizzata da strumenti digitali, opportunità e interventi a favore di turisti e operatori.

Unità, bellezza, contemporaneità per l’Ambito Turistico Chianti. Inizia il viaggio di sei comuni toscani per la promozione di un territorio accogliente e autentico.

Sei bandiere, sei colori diversi, ispirati alle forme e alle caratteristiche delle colline fiorentine e senesi che si riuniscono nel nome di una nuova identità territoriale. Il Chianti riparte più unito e più forte. La fa con un nuovo brand che ancora una volta scommette sul superamento dei confini geografici e le rivalità millenarie. Con la forza della rete istituzionale, la bellezza del paesaggio, la qualità dell’accoglienza e una più intensa collaborazione con gli operatori del settore turistico-ricettivo, il lavoro di chi ogni giorno contribuisce e tenere alto e il nome e il prestigio del territorio nel mondo.

Tra le vigne del Chianti, nello splendido scenario di Villa le Corti a San Casciano in Val di Pesa, sei Comuni toscani, San Casciano, Greve in Chianti, Barberino Tavarnelle, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga e Radda in Chianti, hanno presentato gli obiettivi dell’Ambito Turistico Chianti, il primo della Toscana a cavallo tra le province di Firenze e Siena.

Il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi, che per l’ambito svolge il ruolo di coordinatore, ha dettagliato gli strumenti innovativi di un’articolata campagna di comunicazione e promozione territoriale che investe su una narrazione contemporanea che non rinuncia all’autenticità della tradizione, quelli su cui si basano i principi del buon vivere e della cultura slow.

Intendiamo costruire e diffondere una nuova fase di rilancio economico incentrata sul coinvolgimento attivo e sul rapporto diretto con i nostri operatori - spiega il sindaco Ciappi - un’attività caratterizzata da momenti formativi e informativi, che in apertura della stagione turistica, veicola contenuti, opportunità, servizi e prodotti di cui potranno servirsi i professionisti dell’accoglienza e più in generale le aziende e le attività imprenditoriali che operano nel comparto turistico”.

L’Ambito che lavora unitariamente per rafforzare la promozione del Chianti nel mondo scommette sugli strumenti multimediali e le potenzialità della cultura digitale. “In questi mesi di pandemia - aggiunge - abbiamo avuto la possibilità di elaborare nuovi interventi, progetti, forme di collaborazione e canali di promozione come il sito, i canali social, la piattaforma digitale, il portale VisitChianti connesso a quello regionale VisitTuscany. Abbiamo indetto un bando per l’assegnazione della gestione del backoffice che offrirà un ampio ventaglio di opportunità destinato ai turisti e agli operatori”. Nel corso dell’iniziativa di lancio è stato presentato il nuovo brand identificativo del Chianti.

Potrebbe interessarti anche: Quattro nuovi percorsi bike in arrivo a Radicondoli

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 10 maggio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su