Vendeva droga nel centro storico di Poggibonsi

Tre misure cautelari eseguite dai Carabinieri nell'ambito dell'operazione 'In urbe'

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nei mesi scorsi, a Poggibonsi, i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia valdelsana ponevano la loro attenzione sui movimenti sospetti di un cittadino residente nel centro storico scoprendo ben presto la sua consolidata attività illecita, consistente nella vendita di stupefacenti esclusivamente nei pressi della sua abitazione a favore di consumatori noti alle Forze dell’Ordine. L’operazione, denominata per questo motivo “in urbe”, si avviava con  ininterrotte attività di osservazione e riscontri tecnici, consentendo ai Carabinieri di localizzare la fonte di approvvigionamento dell’uomo, individuata in due cittadini stranieri, abitanti nel Comune di Castelfiorentino, subito messi sotto controllo. Oltre ad alcune dosi recuperate dopo la vendita al dettaglio, in uno dei servizi posti in essere dagli investigatori veniva intercettata una panetta di hashish di circa 100 grammi destinata allo spacciatore poggibonsese che l’avrebbe piazzata in poco tempo alla propria rete di clienti.

A seguito degli elementi indiziari raccolti, la magistratura senese, valutata la gravità dei fatti, ha emesso misure cautelari atte ad infrenare il fenomeno criminoso. i tre, s.c., italiano cinquantenne disoccupato di Poggibonsi, già’ condannato per fatti analoghi, e.k., straniero, trentaquattrenne operaio di Castelfiorentino, incensurato, e a.e.m., straniero, trentaduenne operaio di Castelfiorentino, con precedenti specifici, pertanto sono stati sottoposti all’obbligo di dimora continuo nei rispettivi comuni di residenza con ulteriore prescrizione di trattenersi presso le loro abitazioni in determinati orari in cui saranno controllati dalle forze dell’ordine.

Durante l’esecuzione delle ordinanze sono state perquisite le abitazioni dove sono stati acquisiti ulteriori elementi che avvalorano le responsabilità a carico degli stessi e delle quali dovranno rispondere nelle sedi giudiziarie.

Potrebbe interessarti anche: Scossa di terremoto di magnitudo 3.1 a Castellina in Chianti

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 5 dicembre 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su