Vendita case a Pistoia e mercato immobiliare in Toscana: la situazione attuale

Se nei decenni passati il fenomeno più diffuso era quello della fuga in direzione della campagna, ora pare emergere un'inversione di tendenza, visto che la clientela dimostra di preferire gli immobili che sono situati nei centri storici o comunque in quelle location che mettono a disposizione elevati standard di qualità per i servizi. La sintesi proviene dai numeri che sono stati forniti dall'Osservatorio immobiliare regionale della Federazione degli agenti immobiliari professionali

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lievi ma importanti segnali di ripresa per il mercato immobiliare della Toscana, che nel corso degli ultimi tre mesi ha conosciuto un importante rialzo dopo uno stallo durato anni. Gli acquisti di appartamenti in vendita a Pistoia e nel resto della regione si caratterizzano per numeri positivi, con una crescita leggera data anche dai prezzi stabili se non addirittura in ribasso. Se nei decenni passati il fenomeno più diffuso era quello della fuga in direzione della campagna, ora pare emergere un'inversione di tendenza, visto che la clientela dimostra di preferire gli immobili che sono situati nei centri storici o comunque in quelle location che mettono a disposizione elevati standard di qualità per i servizi. La sintesi proviene dai numeri che sono stati forniti dall'Osservatorio immobiliare regionale della Federazione degli agenti immobiliari professionali. 

Un mercato immobiliare ricco

Si può affermare senza timore di essere smentiti che il mercato immobiliare a livello regionale è piuttosto ricco, ed è stato capace di tenere botta più facilmente rispetto a quel che è accaduto altrove. Le case che vengono proposte in vendita non provengono tanto dal consumo di suolo quanto dal restauro e si tratta di un trend che le istituzioni e gli addetti ai lavori sperano si possa conservare anche per gli anni a venire. Un altro degli auspici è quello di un ritorno nei centri storici, per una promozione efficace dei centri commerciali naturali, anche se il modo più semplice per far tornare il mercato in vita potrebbe essere quello di ridurre le tasse sulla casa. 

La situazione a Pistoia 

Per quel che riguarda gli appartamenti in vendita a Pistoia, nel centro storico i prezzi sono compresi in una forbice di circa 400 euro, da un minimo di 1.700 euro a un massimo di 2.100 euro al metro quadro. A mano a mano che ci si allontana dal centro, ovviamente, le tariffe si riducono, anche in modo sensibile: se nelle aree limitrofe si scende fino a 1.500 euro al metro quadro, quando ci si sposta in periferia la media oscilla tra i 1.100 e i 1.700 euro. La valutazione media per una casa non di lusso nella zona di Agliana - Quarrata e in località Montagna Pistoiese cambia e di molto: nel primo caso il valore minimo è di 1.000 euro e quello massimo di 1.700 euro al metro quadro; nel secondo caso il valore minimo scende fino a 800 euro e quello massimo non supera i 1.200 euro. Se si volge lo sguardo verso la Valdinievole e Montale, in ogni caso, si può notare una valutazione in controtendenza, tra i 1.300 e i 1.900 euro al metro quadro. 

La situazione a Firenze

Nel capoluogo, ovviamente, le quotazioni non possono essere le stesse viste per gli appartamenti in vendita a Pistoia. Nel centro storico di Firenze il minimo è di 3.500 euro al metro quadro ma si può salire fino a 6.000, mentre nelle zone limitrofe al centro si scende a 3.000 euro. Per quanto concerne la periferia, si oscilla tra i 2.000 e i 3.000 euro. In provincia, la Piana di Sesto Fiorentino propone tariffe tra i 1.500 e i 2.900 euro al metro quadro, e più o meno le stesse cifre si registrano nel Chianti, mentre l'area dell'empolese e della Val d'Elsa si contraddistingue per prezzi un po' più bassi, comunque non superiori ai 2.600 euro al metro quadro.

Il Valdarno e il Mugello

Nel Valdarno, il range varia tra un minimo di 1.100 euro al metro quadro e un massimo di 2.400 euro. Poco più elevate sono le quotazioni del Mugello, dove non si scende sotto i 1.200 euro e non si va oltre i 2.500 euro. 

Pubblicato il 16 aprile 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su