Verdiana, una statua in terracotta per il Santo patrono di Castelfiorentino

«Una vita straordinaria - ha detto il Sindaco, Alessio Falorni - come straordinaria è stata l’eredità che Verdiana ha lasciato alla Comunità di Castelfiorentino, che puntualmente celebra la festa del Santo Patrono come una festa di tutti, laici e religiosi, credenti e non credenti. Ringrazio pertanto Giovanni Fiaschi per aver realizzato quest’opera, che rappresenta non solo un omaggio bellissimo alla sua memoria, ma anche un dono prezioso alla popolazione, che andrà ad arricchire ulteriormente il patrimonio artistico del nostro territorio»

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Una statua in terracotta realizzata con amore, e con un sentimento autentico di spiritualità cristiana. Un'opera che raffigura Verdiana degli Attavanti: Santa Verdiana, patrono di Castelfiorentino. E’ l’opera che Giovanni Fiaschi, castellano doc, ha voluto donare alla propositura di Santa Verdiana, e che sarà presentata sabato 29 settembre, alle ore 10.00, all’interno del Santuario che porta il suo nome.

Come ricorda l’autore in una pregevole pubblicazione realizzata appositamente per questa iniziativa, l’opera ha preso il via nel gennaio 2018 da un’idea di Elena Verdiani (suggerita in un orecchio all’artista in  occasione dell’ultima “Via dei Presepi”) che venne accolta da Giovanni Fiaschi (nella foto) con entusiasmo: «Qualche giorno dopo – precisa – ne parlai con Don Alessandro, chiedendogli come avrei potuto realizzarla».

Di colpo, grazie alla lettura di un libretto suggeritogli dal Parroco (“Io mi chiamo Verdiana”) l’illuminazione: il cammino verso la gioia, la dimensione del pellegrinaggio a cui Giovanni Fiaschi è da sempre molto legato, essendo stato già negli anni Novanta uno dei primi a riscoprire l’importanza e il valore spirituale della Via Francigena in Valdelsa. Un tema molto vicino a Verdiana degli Attavanti, di cui è noto il suo cammino verso Compostela.

«Giorno dopo giorno la figura cresceva - spiega Giovanni Fiaschi - modellavo le pieghe dei panni, le braccia, le mani, la destra che tiene il cestino e l’altra, in maniera ancora indecisa, provvisoria, lungo il fianco sinistro. E una bella faccia, perché chi è bello dentro è bello anche fuori, con occhi grandi, ispirati. Nel volto un’espressione di pace e di gioia».

«Un’opera che suscita immediatamente preghiera e devozione - scrive Don Alessandro – non è soltanto bella, ma quasi costringe a entrare nel suo cammino di bellezza. Giovanni ha consegnato alla pietà dei castellani una Santa-in-cammino».

«Una vita straordinaria - ha aggiungo il Sindaco, Alessio Falorni - come straordinaria è stata l’eredità che Verdiana ha lasciato alla Comunità di Castelfiorentino, che puntualmente celebra la festa del Santo Patrono come una festa di tutti, laici e religiosi, credenti e non credenti. Ringrazio pertanto Giovanni Fiaschi per aver realizzato quest’opera, che rappresenta non solo un omaggio bellissimo alla sua memoria, ma anche un dono prezioso alla popolazione, che andrà ad arricchire ulteriormente il patrimonio artistico del nostro territorio».

Alla presentazione di sabato, oltre all’artista e a Don Alessandro, interverrà anche il Sindaco, Alessio Falorni. Dopodiché l’opera troverà una sistemazione definitiva accanto alla celletta – ubicata sotto al Santuario - dove Verdiana condusse l’ultimo periodo della sua esistenza terrena.

Pubblicato il 26 settembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su