Vernaccia di San Gimignano al Vinitaly: gli appuntamenti da non perdere e i numeri del 2018

In tutto le aziende del territorio presenti a Verona saranno 46, quasi tutte con i vini in degustazione anche al banco di assaggio del Consorzio del Vino Vernaccia di San Gimignano, situato nel Pad. 9, stand C14, dove operatori e pubblico potranno assaggiare i vini Vernaccia di San Gimignano docg delle ultime annate, la 2018 per la tipologia Annata, la 2017 (e precedenti) per la Riserva. In degustazione anche i vini San Gimignano doc, rossi, rosati e vinsanto

  • Condividi questo articolo:
  • j

Il Vinitaly rappresenta il più importante appuntamento per presentare agli operatori nazionali ed internazionali le nuove annate della Vernaccia di San Gimignano docg e del San Gimignano doc, presentate alla stampa nel corso dell'Anteprima lo scorso febbraio.

In tutto le aziende del territorio presenti a Verona saranno 46, quasi tutte con i vini in degustazione anche al banco di assaggio del Consorzio del Vino Vernaccia di San Gimignano, situato nel Pad. 9, stand C14, dove operatori e pubblico potranno assaggiare i vini Vernaccia di San Gimignano docg delle ultime annate, la 2018 per la tipologia Annata, la 2017 (e precedenti) per la Riserva. In degustazione anche i vini San Gimignano doc, rossi, rosati e vinsanto. Tredici le aziende presenti con un loro spazio privato nello stesso stand.

Due gli appuntamenti da non perdere.

Lunedì 8 Aprile, alle ore 15, nella sala degustazione B (al primo piano nel padiglione 10), Marco Sabellico, curatore della guida Vini d’Italia Gambero Rosso, condurrà una degustazione di 11 etichette di Vernaccia di San Gimignano di annate comprese tra il 2018 e il 2013, da lui selezionate per rappresentare l’intera denominazione. La partecipazione è gratuita, ma su prenotazione (per info www.vernaccia.it).

Martedì 9 Aprile, alle ore 12, il Consorzio ospiterà la conferenza stampa di presentazione dell'ottava edizione del Premio Gambelli, creato da Aset, Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana, che premia ogni anno un giovane enologo under 35. Alla presentazione parteciperanno il Presidente di Aset, Leonardo Tozzi, la Presidente del Consorzio del Vino Vernaccia di San Gimignano, Letizia Cesani, e la vincitrice dell'edizione 2019 del Premio, Angela Fronti, proprietaria dell'azienda Istine, Chianti Classico.

I numeri della Vernaccia di San Gimignano 2018

Nella vendemmia 2018 dai 720 ettari di vigneto rivendicati per la produzione di Vernaccia di San Gimignano sono stati prodotti 39.600 ettoliti di vino, più del 25% rispetto al 2017, numeri che riportano la produzione nella media.

I dati dell'imbottigliamento nel 2018 segnano una flessione dovuta al calo di produzione registrato nella vendemmia 2017 (-26%): sono state prodotte 4.630.241 bottiglie di Vernaccia di San Gimignano, circa il 10% rispetto all'anno 2017, il 12,5% rispetto alla media dell'ultimo quinquennio.

Numeri che inevitabilmente si sono ripercossi anche sul giro di affari della denominazione, che si è attestato sui 13,2 milioni di euro (circa il 40% del valore totale del settore vinicolo a San Gimignano), con una calo del 15% rispetto allo stesso dato del 2017.

Nel 2018 la percentuale di Vernaccia di San Gimignano destinata all'export è rimasta invariata, restando su circa il 52%, di cui il 27,5% è venduto sul mercato europeo, il 18,9% su quello americano, mentre il 4,7% è destinato ai mercati asiatici.

In Europa il maggiore mercato si conferma quello tedesco che da solo assorbe il 9,8% dell'esportazione, seguito da Svizzera (3,8%), Inghilterra (2,7%) e Olanda (2,6%). Ma il migliore mercato in assoluta resta quello statunitense, a cui è destinato il 16,3% della produzione.

Il 42% di Vernaccia destinata al mercato italiano viene principalmente venduta a San Gimignano, il 19% dalle aziende in vendita diretta e circa il 16% negli esercizi commerciali del territorio.

Pubblicato il 1 aprile 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su