Via Redipuglia a Poggibonsi, ecco il progetto esecutivo. Becattelli: «Per tutta l'area una nuova identità funzionale e estetica»

500 metri di strada, oltre 10mila metri quadri di area riqualificata, 72 alberi, piazzole, attraversamenti pedonali, illuminazione "smart". Questi alcuni numeri che riguardano la riqualificazione di via Redipuglia, di cui la Giunta ha approvato il progetto esecutivo. Un intervento importante, per un valore di 1.450.000 euro, che porterà al restyling di «un'area centrale della città - dice il Vicesindaco Silvano Becattelli, assessore a Lavori Pubblici e Manutenzione - che avrà nuova identità funzionale ed estetica»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

500 metri di strada, oltre 10mila metri quadri di area riqualificata, 72 alberi, piazzole, attraversamenti pedonali, illuminazione "smart". Questi alcuni numeri che riguardano la riqualificazione di via Redipuglia, di cui la Giunta ha approvato il progetto esecutivo. Un intervento importante, per un valore di 1.450.000 euro, che porterà al restyling di «un'area centrale della città - dice il Vicesindaco Silvano Becattelli, assessore a Lavori Pubblici e Manutenzione - che avrà nuova identità funzionale ed estetica». La riqualificazione coinvolgerà l'intera via per un'estensione di circa 500 metri fino al primo tratto di Largo Bondi e all'area a parcheggio posta al termine della strada. Gli interventi riguarderanno il rifacimento integrale della sede stradale e dei marciapiedi, la realizzazione di piazzette pavimentate e stalli di sosta, il rifacimento di segnaletica e attraversamenti pedonali, l'inserimento di verde e di elementi di arredo urbano, il rifacimento dell'impianto di smaltimento delle acque meteoriche  e dell'impianto pubblica illuminazione.

«Un intervento progettato per restituire a questa strada bellezza, servizi, funzionalità - prosegue Becattelli - attraverso una riqualificazione strutturale e una molteplicità di accorgimenti anche architettonici. Vi saranno spazi privilegiati per i pedoni senza dimenticare il transito e la sosta. Vi sarà cura nei materiali e nelle variazioni cromatiche anche per una efficace distinzione anche visiva degli spazi. Ma anche maggior sicurezza con gli attraversamenti, piazzole con alberature ed elementi di arredo urbano per valorizzare la funzione sociale gli spazi. Il tutto con il contestuale rifacimento dei sottoservizi e dell'impianto di illuminazione».

Il progetto - Nel dettaglio il piano viabile (per una larghezza complessiva di circa 10,50 metri di cui circa 6,50 destinata al transito) sarà integralmente demolito e quindi ricostruito, e il rifacimento sarà esteso anche agli innesti con le strade limitrofe. La sede carrabile sarà affiancata da fasce laterali destinate a parcheggio, nelle quali saranno inserite a intervalli regolari aiuole con gli alberi. A tratti saranno ricreate piccole piazzette allungate, opportunamente pavimentate e attrezzate. L'intervento prevede anche la sistemazione dell'area a parcheggio posta a lato della strada, la realizzazione di spartitraffico in corrispondenza dell'innesto su Via Montegrappa nonché la sistemazione di una parte di Largo Bondi proseguendo il marciapiede e provvedendo all'allargamento del tratto opposto fino a Via Goito.

In punti nodali posti in corrispondenza della parte iniziale del tratto, su via della Costituzione e su via del Parlamento, verranno realizzati attraversamenti pedonali rialzati per aumentarne la visibilità. In corrispondenza dell'innesto su via del Parlamento l'attraversamento si prolungherà sull'intero slargo in modo da enfatizzare il collegamento con la scuola di via Risorgimento. Saranno messe a dimora nuove piante per guadagnare in piacevolezza ma anche in sicurezza optando per alberi di dimensioni contenute e con essenze diverse per ottenere effetti cromatici variabili nelle diverse stagioni. Nelle piazzette, entro apposite aree perimetrate, le alberature saranno integrate da composizioni verdi. Sempre nelle piazzette saranno collocati gli arredi urbani, costituiti da panchine e cestini in metallo.

Particolare attenzione sarà posta nella raccolta delle acque meteoriche attraverso il rifacimento dell'intero impianto di smaltimento. Sarà rifatto anche l'impianto pubblica illuminazione con elementi a doppio sbraccio asimmetrico per l'illuminazione di sede carrabile e camminamenti pedonali e elementi a singolo sbraccio per l'illuminazione del parcheggio. A queste si aggiungono tipologie d'uso contestualizzate, come il sistema che illuminerà l'innesto su via Montegrappa, largo Bondi, piazza XVIII Luglio. Il tutto con corpi illuminanti di ultima generazione a led per conseguire gli obiettivi di efficientamento energetico e procedere in direzione della "smart city" prevedendo su ogni palo strumenti di telecontrollo e telegestione.

«Quello su via Redipuglia - chiude Becattelli - è uno degli interventi centrali del Piano delle Opere Pubbliche che abbiamo approvato nell'ultimo Consiglio grazie a risorse proprie del Comune, che possiamo spendere grazie ad un quadro di finanza pubblica che è mutato, ad una gestione oculata e prudente del Bilancio e alla prontezza e capacità progettuale degli uffici. Attendiamo le conferme dalla legge di stabilità per procedere e portare a termine la fase di gara condividendo tempi e percorso. Sappiamo che ci saranno da sopportare dei disagi che cercheremo di limitare al minimo. Sappiamo anche che questo intervento darà qualità e funzionalità a tutta la città».

Pubblicato il 21 dicembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su