Volterra ''Città del Sale'', far conoscere questo prodotto ai turisti

Il Comune vuole evidenziare la simbiosi tra la città e il sale e narrare la storia dell’antico legame tra la cittadina e la produzione salina

 VOLTERRA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Volterra diventa "Città del Sale": il Comune ha voluto mettere la produzione salina del territorio al centro di un percorso turistico. Una opportunità che valorizzerà il patrimonio storico - culturale, paesaggistico ed enogastronomico.

A Volterra fin dai tempi degli etruschi viene estratto un sale puro al 99,99%, una produzione che ha sempre accompagnato la vita e l’evoluzione della cittadina. Viola Luti - assessora al Turismo - ha commentato che l’amministrazione comunale ha voluto attuare questa iniziativa per evidenziare la centralità di questo antico legame e simbiosi tra la città e il sale. Sale estratto dalle profondità della terra, che rappresenta un valore identitario inestimabile e uno straordinario patrimonio culturale.

Conoscete la storia della salina? Un concentrato di storia e cultura attraverso i secoli: dalle carovane di asini che percorrevano la Via Francigena per portare il sale al Granducato di Toscana, che comprendendone il valore, dette l’impulso per la costruzione dell’impianto di produzione. Al più recente monopolio di Stato al lavoro dell’architetto Pierluigi Nervi che firmò il suggestivo padiglione dove ancora oggi è possibile ammirare la cascata del sale. Hanno lavorato intere generazioni, un patrimonio immenso che è stata la leva per la candidatura di Volterra come Capitale della Cultura, e ora sarà il punto di partenza per la nomina come prima Città toscana della Cultura.

"In un momento in cui si riscopre e di comprende l’importanza della salute e del benessere - continua Luti - Volterra decide di mettere sotto i riflettori il sale, eccellenza del territorio, che attraverso la sua purezza diventa ambasciatore per la promozione di una destinazione turistica dove salute e benessere sono fondamentali per una nuova qualità della vita". Il concetto che si vuole portare è che la purezza del sale sia importante per un corretto stile di vita. A partire dall’alimentazione, dove la giusta dose di sale e l’assenza di contaminazioni esterne rendono il prodotto garanzia di salute, all’utilizzo dei cosmetici dove si usano le proprietà dell’acqua madre.

Locatelli Saline di Volterra, ha accolto “Città del Sale”, con soddisfazione. L’azienda ha raccolto il testimone di 3.000 anni di storia e da anni ha avviato una importante azione di investimento che ha previsto un ammodernamento dell’impianto e una azione di valorizzazione culturale per far conoscere la storia e il valore identitario di questo punto nevralgico di Volterra con un percorso espositivo. L’azienda è un’azienda sana e vivace, e rappresenta un modello di innovazione nel mercato del sale, che attraverso la diversificazione del prodotto riesce ad essere presente su varie fasce di mercato. Un modello di crescita che parte dalla purezza del sale di Volterra, e attraverso la creatività genera e stringe collaborazioni locali, dando forza ad un prodotto che diventa anche strumento di promozione del territorio.

Potrebbe interessartii anche: La Toscana resta arancione e oggi arrivano le ordinanze per i Comuni in zona rossa

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 20 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su